lowes moto2

Moto2 Teruel, Prove 2: Sam Lowes al top con caduta

Sam Lowes si assicura la prima piazza nel venerdì di libere. Miglior crono per il britannico, che precede Jorge Navarro e Hector Garzó.

23 ottobre 2020 - 16:29

Il venerdì si chiude con Sam Lowes autore del miglior crono nel secondo ed ultimo turno di giornata. Nonostante una scivolata a pochi minuti dalla bandiera a scacchi (che vale la seconda bandiera rossa delle FP2), rimane davanti a tutti, seguito da Jorge Navarro e dal rookie Hector Garzó. Più staccati gli altri protagonisti in campionato: Bezzecchi ed il leader Moto2 Bastianini sono appena fuori dalla top ten, solo 23° Marini.

Secondo ed ultimo turno di giornata in cui non mancano i brividi. Bezzecchi evita miracolosamente un incidente, mentre Pons scivola al ‘cavatappi’ e deve sbracciarsi per segnalare ai colleghi la moto rimasta in traiettoria. Un peccato per il pilota di Gresini, che si era appena assicurato la seconda piazza provvisoria dietro a Lowes. Ma quest’ultima caduta porta ad una momentanea bandiera rossa per rimuovere la ghiaia portata sull’asfalto dopo l’incidente dello spagnolo.

Alla ripartenza però Bezzecchi non è fortunato, visto che arriva una scivolata. In seguito sempre al cavatappi scivola anche Lowes, da subito al comando della classifica dei tempi: non manca una seconda bandiera rossa. Si riparte, stavolta arrivando alla fine senza altre interruzioni: il britannico di EG 0,0 Marc VDS rimane in testa con il miglior crono dell’intera giornata del GP di Teruel. A 58 millesimi c’è la Speed Up di Jorge Navarro, terza piazza per Hector Garzó, più lontani gli altri protagonisti della lotta iridata.

La classifica FP2

La classifica combinata 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Alessio Salucci amico di Valentino Rossi

MotoGP, Alessio Salucci: “Con Valentino Rossi combatteremo nel box accanto”

pons moto2

Moto2: Edgar Pons, addio alle corse. “Mi attendono nuove sfide”

MotoGP, Massimo Rivola ad Aprilia

MotoGP, beffa Aprilia: il sostituto di Andrea Iannone ancora non c’è