marini moto2

Moto2: Luca Marini guida il campionato. “Martín ne aveva di più”

Luca Marini secondo in Austria e nuovo leader iridato Moto2. "Facevo fatica nel T3, ci dobbiamo lavorare per il prossimo GP."

17 agosto 2020 - 12:27

La gara Moto2, segnata da un pauroso botto, ha visto anche un passaggio di consegne tra italiani in classifica iridata. Con Bastianini fuori proprio per quell’incidente, Luca Marini è salito al comando della classe intermedia grazie al secondo posto ottenuto dopo la ripartenza. Il pilota Sky VR46 ha realizzato una doppia gara da protagonista, scalando la classifica prima della bandiera rossa e poi ripetendosi. Non è bastato per contrastare Jorge Martín, ma c’è sempre la possibilità di rivincita, visto che domenica prossima si corre di nuovo al Red Bull Ring.

La partenza era stata ottima da subito: ottavo in griglia, Marini era scattato di slancio per non perdere terreno dai primi e giocarsi così tutte le possibilità. Pochi giri dopo lo stop per l’incidente partito dal highside di Bastianini, ma dopo la pausa (e la notizia che tutti stanno bene) si ricomincia. Altro buono scatto, rinnovata determinazione a puntare al successo. Davanti a lui però c’è un Martín davvero competitivo e difficile da contrastare: alla fine Marini è secondo, ma tanto basta per superare ‘Bestia’ per 5 punti ed arrivare così ad Austria2 da capoclassifica.

“Sono partito bene in entrambe le gare” ha raccontato. “Nella prima ho recuperato tanto e mi sentivo davvero bene. La seconda, dalla prima fila, è stata più facile, ma Jorge [Martín, ndr] aveva qualcosa in più. Ho provato ad inseguirlo, ma facevo fatica nel T3, un aspetto su cui lavorare per il prossimo GP. Sono stato anche l’unico a scegliere la gomma soft davanti, mentre gli altri avevano la dura. Faremo quindi qualche altra prova in questo senso venerdì, per cercare di fare un passo avanti. Come sempre, gran lavoro della squadra.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

mandalika sag team moto2

Moto2: Ecco il Pertamina Mandalika SAG Team, Lüthi primo pilota

Beirer Petrucci KTM MotoGP 2021

MotoGP, Danilo Petrucci: “KTM può essere la mia ultima chance”

MotoGP, la storia: Kreidler e la 50cc, una categoria dimenticata (parte 1)