kubo biesiekirski moto2

Moto2 Catalunya: prima occasione di Keminth Kubo, riecco Biesiekirski

Debutto mondiale per il thailandese Keminth Kubo nel GP Moto2 di Catalunya. Wild card anche per Piotr Biesiekirski. Il profilo dei due piloti.

2 giugno 2021 - 12:20

Con il ritorno delle wild card quest’anno, non mancano interessanti volti nuovi che per la prima volta si affacciano al panorama mondiale. Il Gran Premio di Catalunya sarà questo per Keminth Kubo, giovane pilota thailandese che avrà la sua prima importante opportunità nel Campionato del Mondo Moto2. Ritroviamo poi in griglia un volto già noto: il polacco Piotr Biesiekirski avrà l’opportunità di scontrarsi di nuovo con piloti di caratura mondiale, disputando la prima wild card stagionale al Montmeló.

Kemith Kubo, l’occasione

“Grazie a Yamaha, Thai Yamaha e VR46 ho l’opportunità di disputare una wild card Moto2 nel Gran Premio di Catalunya. Sono davvero emozionato, ringrazio per la fiducia riposta in me.” Questo il commento di Keminth Kubo, attivo in questi giorni al Montmeló per prepararsi al meglio con la moto che guiderà il prossimo weekend. Padre giapponese e madre thailandese, classe 1999, è uno dei piloti che fanno parte del progetto VR46 Mastercamp in collaborazione con Yamaha. Lo ricordiamo, un programma volto a dare un’opportunità a ragazzi di svariate nazionalità, permettendo loro di ricevere dritte dagli istruttori della Academy. Oltre che si allenarsi sia al Ranch di Valentino Rossi che al Misano World Circuit. Da tempo questa squadra è presente nel CEV Moto2 e Kubo ne è parte da tre stagioni.

Campione in Motegi Road Racing Championship ST600 nel 2016, seguito nei suoi primi passi da Mitsuo Abe (padre dello sfortunato talento delle due ruote Norifumi), continua il suo percorso mosso da un sogno: arrivare in MotoGP un giorno. Lo troviamo poi nel biennio 2017-2018 in Asia Road Racing Championship, categoria SS600: nella seconda stagione chiude 10° con un podio. Nel 2019 ecco il debutto nel CEV Moto2 con VR46 Mastercamp Team, che completa in 9^ posizione, piazzamento che ripete anche nel 2020. Quest’anno è nuovamente al via nello stesso campionato e con la medesima struttura: ha ottenuto un 4° ed un 6° posto nel round inaugurale a Estoril, a cui aggiungere una sfortunata caduta a Valencia, quando stava lottando nuovamente nelle zone alte.

Piotr Biesiekirski, il ritorno

Abbiamo detto inizialmente che, oltre al giovane thailandese al debutto, riavremo anche un pilota già visto più volte sul palcoscenico mondiale. Piotr Biesiekirski, classe 2001 e primo pilota polacco ad approdare nel CEV Moto2, avrà la sua prima vera e propria wild card. Il suo debutto ufficiale doveva avvenire già l’anno scorso proprio in Catalunya, ma la pandemia ha stravolto tutti i programmi. Le sue occasioni le ha comunque avute: con Jesko Raffin fermato da problemi di salute, NTS RW Racing GP ha virato su di lui per sostituirlo. L’esordio quindi è arrivato nel Gran Premio dell’Emilia Romagna, continuando poi fino a fine stagione, seppur senza punti.

L’impegno principale attuale è nel Campionato Europeo Moto2, nel quale ha debuttato nel 2018 in occasione del round ad Aragón. Dal 2019 è al via a tempo pieno, con risultati in costante crescita. Quest’anno ha iniziato con un ottimo quinto posto in Gara 1 a Estoril, per poi mettere a referto due zeri consecutivi per incidenti. È nelle file del Mandalika SAG Team, lo stesso con cui disputerà la wild card in questo prossimo evento sul Circuit de Barcelona-Catalunya.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Moto3: Snipers Team, addio a Salac. Ad Assen arriva Alberto Surra

MotoGP, Pol Espargaro

MotoGP, Pol Espargarò prova diversamente: “Copierò Marc Marquez”

matsuyama moto3

Moto3: Honda Team Asia a tre punte ad Assen, si rivede Matsuyama