Shane McElrath

Supercross USA Shane McElrath: “Un giorno vorrei correre nella MXGP”

Shane McElrath ha le idee molto chiare sul suo futuro e sul proprio talento con la voglia di ottenere diversi titoli e con un occhio anche all'Europa..

8 agosto 2019 - 7:01

Shane McElrath, classe 1994, è uno dei grandi protagonisti nel panorama del Supercross statunitense nella classe 250. Nativo di Canton, in North Carolina, è stato due volte vice-campione nella 250 costa Ovest sia nel 2015 che nel 2017. Impegnato con la KTM del team “Troy Lee Designs/Red Bull/KTM”, in questa stagione dopo la vittoria nella Triple Crown di Anaheim, un infortunio gli ha impedito di lottare per il titolo ma non di partecipare comunque alla gara di Daytona della 450.

MI ASPETTO MOLTO DA ME STESSO

Shane, tra qualche giorno sarà il tuo compleanno (11 Agosto) cosa vorresti ricevere come regalo?

“Probabilmente non mi comprerò altro che cibo … Ho chiesto a mia moglie un cavalletto per aiutarmi con i miei video in garage!”

Come sta andando la tua stagione, e come ti senti sia fisicamente che mentalmente?

“Mi sento abbastanza bene! Ho tolto i denti del giudizio poco più di una settimana fa, sono appena tornato in moto e finalmente ho ricominciato a mangiare normalmente! La mia stagione è stata un po ‘dura finora … in realtà ho lottato per tutto l’anno. Ho avuto alcuni infortuni che mi hanno davvero arretrato sia fisicamente che mentalmente e sto solo cercando di migliorarmi settimana dopo settimana.”

Hai vinto ad Anaheim ma purtroppo gli infortuni hanno condizionato la tua stagione, pensavi di poter lottare per il titolo?

“E’ stato davvero belle vincere quest’anno ad Anaheim! Purtroppo, questa è la mia unica vittoria finora. Venendo a quest’anno, credevo davvero di poter vincere un campionato SX e un campionato MX. Mi sono preparato bene e mi aspettavo di avere la mia stagione migliore. Sfortunatamente, gli infortuni sono comuni in questo sport ed è stato un anno difficile, a parte gli infortuni.”

Ci puoi raccontare le sensazioni della gara di Daytona con la classe 450?

“Correre a Daytona quest’anno su una 250 nella classe 450 è stata probabilmente la mia gara preferita fino ad oggi. È stato fantastico correre su una pista così iconica con tutti quei piloti così forti e di fronte a tutti i fan! Faceva anche molto caldo in Florida con tanta sabbia, quindi mi è sembrato davvero una gara all’aperto di notte! Amico, è stato un vero spasso.”

Cosa ti aspetti dal futuro?

“Per quanto riguarda il mio futuro, mi aspetto molto da me stesso. Mi aspetto di essere un campione con più titoli un giorno. Dio mi ha benedetto con talento e abilità e credo davvero di poter essere uno dei migliori piloti.”

In Italia diversi fans seguono il Supercross/National, un giorno ti piacerebbe correre in Europa e cosa pensi del livello dei piloti europei?

“Seguo la MXGP settimanalmente! Adoro guardare quei ragazzi e conoscerli tutti dall’esterno. È bello vedere le diverse piste, gli stili di guida di tutti e il modo in cui funzionano. Ho detto a mia moglie alcune volte che mi piacerebbe fare una stagione nella MXGP ad un certo punto della mia carriera! Non è ancora convinta … Sono stata fuori dall’America solo una volta per una gara in Svezia. Mia moglie e io amiamo viaggiare, quindi forse un giorno lungo ls nostra storia possiamo viaggiare per il mondo correndo nella MXGP!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tony Cairoli: “Rally Tuscan Rewind esperienza fantastica”

La Skoda Fabia R5 di Tony Cairoli

Tony Cairoli al Rally Tuscan Rewind: “Non vedo l’ora”

Jacky Martens, con i suoi piloti Julien Lieber e Benoit Paturel

MXGP, il team Honda di Jacky Martens con Lieber e Paturel