MXGP

MXGP 2019: chi vincerà il titolo Costruttori?

A due gare dal termine della stagione la lotta per il titolo Costruttori è serrata con Honda in testa davanti a KTM e Yamaha leggermente staccate

28 agosto 2019 - 6:56

Con i mondiali della MXGP e della MX2 già assegnati rispettivamente a Tim Gajser e Jorge Prado, l’attenzione si sposta, oltre che sulle due restanti gare del campionato, sulla lotta nel campionato costruttori.

HONDA VUOLE IL TITOLO

Turchia e Cina (100 punti in palio) saranno determinanti per assegnare un titolo che per la case è particolarmente importante. Honda ha un vantaggio di 49 punti su KTM e 60 su Yamaha. Le prestazioni di Tim Gajser e della CRF450RW hanno sicuramente determinato questa classifica, anche se KTM ha qualcosa da recriminare. Gli infortuni prima di Jeffrey Herlings, e poi di Tony Cairoli hanno “costretto” la casa austriaca a correre sostanzialmente con moto “private” nella seconda parte di stagione. Il ritorno di Herlings, ma soprattutto le ultime grandi prestazioni di Glen Coldenhoff hanno tenuto in corsa ancora la KTM. Dopo aver perso il titolo nel National, vinto dalla Kawasaki, gli “orange” non vorrebbero restare a bocca asciutta. Di contro Honda, oltre a Gajser, non ha mai potuto contare sulle prestazioni di Brian Bogers, spesso lontano anche dalla top10 e mai in grado di impensierire gli avversarsi.

CI PROVA ANCHE YAMAHA

L’infortunio di Romain Febvre potrebbe condizionare la rincorsa al titolo della Yamaha che comunque grazie alla costanza di Jeremy Seewer, e alle prestazioni del team Wilvo, futura struttura factory può puntare al colpaccio anche se sarà particolarmente difficile. La crescita della YZF450M sono stati costanti e gli aggiornamenti in ottica 2020 sembrano funzionare alla grande.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La Skoda Fabia R5 di Tony Cairoli

Tony Cairoli al Rally Tuscan Rewind: “Non vedo l’ora”

Jacky Martens, con i suoi piloti Julien Lieber e Benoit Paturel

MXGP, il team Honda di Jacky Martens con Lieber e Paturel

VIDEO MXGP: HRC, c’è Mitch Evans con Tim Gajser nel 2020