MXGP Herlings KTM

MXGP, Jeffrey Herlings: “Mancherà ritmo gara, bei ricordi di Kegums”

Jeffrey Herlings da marzo mantiene la leadership iridata. Il campione MXGP 2018 pronto a contenere l'assalto dei rivali su una pista sulla quale ha vinto più volte.

6 agosto 2020 - 10:01

Domenica saranno passati 154 giorni dall’ultima gara MXGP a Valkenswaard. Da tanto dura la leadership iridata di Jeffrey Herlings, che da marzo è al comando della classifica grazie a due vittorie e due podi nei primi round stagionali. Dopo una lunga pausa forzata, il campione 2018 è pronto alla ripartenza con il triplo appuntamento in Lettonia e tanti rivali determinati a contendersi la corona mondiale. Su tutti l’iridato in carica Tim Gajser, 2° a nove lunghezze, ma anche il compagno di squadra Tony Cairoli, rimessosi da alcuni guai fisici.

Uno stop inconsueto in cui però il pilota KTM si è allenato molto, cercando poi di ritrovare il giusto feeling in altre competizioni. Come dimostra ad esempio la sua presenza ad Axel, nei Paesi Bassi, lo scorso fine settimana per un meeting internazionale. Per lui un successo nella prima gara ed un 5° posto nella seconda, in rimonta dopo essere rimasto coinvolto in un incidente alla prima curva: piazzamenti che gli sono valsi il secondo posto complessivo. Un buon allenamento prima della ripartenza, visto che in otto giorni la griglia MXGP dovrà affrontare ben tre round iridati, tutti di scena in Lettonia.

“Kegums è stata sempre una tappa positiva per me” ha dichiarato il campione di Geldrop. “Nel 2010 ho conquistato il mio secondo successo MX2, anche nel 2017 è stato speciale, mentre nel 2019 ho ottenuto la prima vittoria di quella che poi si è rivelata una stagione difficile. In generale però ho bei ricordi di quel tracciato. Come tutti, non vedo l’ora di tornare a competere! La mia KTM poi è adatta a questa pista, ci comporteremo bene. Certo ci mancherà un po’ di ritmo gara, ma è un discorso che vale per tutti. Non sarà una stagione lunga, per questo sarà importante essere pronti in ogni round, a partire da queste tre gare ravvicinate.”

Voglia di ripartire che non manca a nessuno, come sottolinea anche Robert Jonas, vice-presidente KTM Motorsports Offroad. “Finora è stata un’annata complessa per vari motivi” ha ammesso. “Ma siamo pronti a tornare a competere. Concludere la stagione 2020 è già un primo obiettivo, il secondo invece sarà cercare di ottenere il miglior risultato possibile in MXGP, fornendo il massimo supporto ai ragazzi. Un ringraziamento poi va a chi è riuscito a far ripartire la stagione, nonostante le attuali circostanze.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

tony cairoli mxgp

Tony Cairoli, nuova sfida a quattro ruote al Tuscan Rewind 2020

Gajser Cairoli MXGP

MXGP, Tim Gajser: “Cairoli un campione, 35 anni e sempre al top”

mxgp

MXGP: Tutte le novità del calendario (provvisorio) del Mondiale 2021