Jonathan Rea

Superbike Portimao: Jonathan Rea firma la 21° Superpole

Il nordirlandese scatterà davanti a tutti a caccia dell'ottavo trionfo di fila a Portimao. In prima fila anche Sykes e Cortese, solo sesto Bautista. Gara 1 parte alle 15

7 settembre 2019 - 12:35

Jonathan Rea scatterà dalla Superpole nella prima gara del decimo round del Mondiale Superbike a Portimao. Il leader del Mondiale ha disintegrato il primato 2018 (1’40″705 di Laverty con l’Aprilia) girando in 1’40″372, la migliore prestazione di sempre sull’ottovolante dell’Algarve. Soprattutto tempo eccezionale perchè adesso l’asfalto è molto più rovinato di un anno fa, e da due giorni parecchi piloti si lamentano del grip non eccezionale, inferiore a quello dei test di due settimane fa. Per Jonathan Rea si tratta della 21° Superpole in carriera, la quinta in stagione.

BAUTISTA SOLO SESTO 

E’ stata una qualifica abbastanza sorprendente. La nota negativa è il sesto posto di Alvaro Bautista, che è finito a sette decimi dal rivale per la conquista del Mondiale e sarà costretto a scattare in seconda fila. L’altra incognita che pesa sul potenziale del ducatista è  la spalla sinistra ancora dolorante per l’incidente al via della Superpole Race di Laguna Seca. Sul giro secco invece ha ruggito Tom Sykes, secondo con la BMW  a 111 millesimi dall’ex compagno di squadra ai tempi della Kawasaki. La vera sorpresa però è venuta dal terzo tempo di Sandro Cortese, tedeschino che si sta guadagnando la riconferma in GRT Yamaha. L’ex iridato Moto3 ha pagato solo tre decimi al Cannibale. In seconda fila, con Bautista, ci saranno anche Leon Haslam e Alex Lowes. Curiosità: Cortese, Haslam e Lowes non hanno ancora un contratto 2020…

MARCO MELANDRI OTTAVO

Marco Melandri partirà in terza fila (ottavo tempo) in mezzo a Jordi Torres (Pedercini Kawasaki) e Markus Reiterberger, con la seconda BMW. Michael Rinaldi ha portato la Ducati Barni in undicesima posizione, proprio davanti ad un Chaz Davies tornato nei ranghi dopo la vittoria di Laguna Seca. Alex Delbianco (19° tempo) chiude la triste processione delle tre Honda ancòrate sul fondo. Rovinosa caduta di Loris Baz, che aveva due intertempi da prima fila.

Misano MotoGP: Biglietto prato 80€ invece di 90€ Clicca qui per l’offerta

Foto Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kawasaki

MXGP Kawasaki: in Cina nessuna verdona in pista

Jonathan Rea, Scott Redding

Jonathan Rea: “Ducati ha scelto il top, Scott Redding ha talento”

Alvaro Bautista, Giulio Nava

Superbike: Alvaro Bautista porta in Honda il capo tecnico Giulio Nava