Superbike, Jonathan Rea

Superbike Portimao: Jonathan Rea risorge in gara 2, il Mondiale è vivo

Dopo due cadute Jonathan Rea torna al successo e riapre il mondiale: -24 punti da Toprak Razgatlioglu caduto per un problema tecnico. Doppio podio Ducati

3 ottobre 2021 - 15:41

Jonathan Rea sembrava al tappeto, dopo i colpi inferti da Toprak Razgatlioglu e due scivolate sanguinose in poche ore. Invece, nel momento più duro, il nordirlandese è tornato al successo riaprendo clamorosamente il campionato che il turco sembrava aver già sigillato. La Kawasaki, nettamente inferiore a Yamaha e Ducati, riprende vita grazie ad un colpo di fortuna: Toprak infatti è volato via causa il distacco di un particolare dell’anteriore, che lo ha mandato fuori pista nell’identico punto che il giorno prima aveva tradito l’avversario. Questo campionato è un romanzo appassionante: le due tappe finali in Argentina e Indonesia sono un meraviglioso rebus.

La gara perfetta

Il campione in carica è finalmente riuscito a fare la gara perfetta, quella che avrebbe voluto fare anche il giorno prima. Scrollarsi di dosso Yamaha e Ducati, drammaticamente più veloci sul dritto, è stata una magia: sabato, per farlo, aveva osato troppo, mandando in fumo la fuga. Stavolta ha accarezzato lo stesso rischio, ma è rimasto in piedi: quando Toprak è volato via, Rea aveva un paio di decimi di vantaggio. Non era un margine di sicurezza, la Yamaha avrebbe potuto rifarsi sotto. La resa dei conti fra i due è rimandata di due settimane.

Ducati torna sotto 

Scott Redding non è riuscito a tenere la ruota della Kawasaki (“Era oltre il mio limite”) ma lo zero della Yamaha rimette anche lui in corsa: -54 punti sono tanti da recuperare in due round (124 punti in totale) e due ossi così duri davanti. Ma in un campionato così folle, mai dire mai. La Ducati ha rimesso le ali anche Loris Baz, al terzo podio di fila in questo suo entusiasmante week end: altro che MotoAmerica, un pilota di questa levatura merita senza dubbio un posto nel Mondiale.

Fra due settimane in Argentina

Fra due settimane (16-17 ottobre) la Superbike sarà di scena a San Juan, in Argentina. L’evento è confermato, ma nel paddock serpeggia inquietudine alla luce delle ultime notizie: i confini dello Stato sono pressochè chiusi e le compagnie aeree hanno cancellato quasi tutti i voli. Compresi anche quelli che erano stati prenotati dai team. Dorna sta cercando di metterci una pezza organizzando dei voli charter che da Madrid porterebbero tutta la carovana (piloti, tecnici, struttura tv) direttamente a San Juan. Dove lo stesso personale sarebbe autorizzato a muoversi unicamente dagli hotel al circuito, su mezzi messi a disposizione dall’organizzazione. Il mese successivo (19-20 novembre) la Superbike è attesa a Mandalika, sull’isola indonesiana di Lombok.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

FRA 1988
16:38, 3 ottobre 2021

La Sbk aveva bisogno di questa rivalità per ridare emozioni come negli anni d’oro. Spero veramente che la stagione si decida nell’ultimo round e sia una battaglia dura ma senza eccessi. Redding potrebbe approfittarne se i due galletti si daranno fastidio a vicenda.
L’inglese non ha alternativa gli altri due sono più forti e ci vuole un colpo di fortuna per riaprire la contesa.

    Mattia B.
    17:33, 3 ottobre 2021

    basta continuare a sabotare la moto di Toprak e se la giocheranno fino all’ultimo.
    A parte gli scherzi è chiaro che il turco è ilpiù veloce, purtroppo la sorte non gli sta dando una mano.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea e Toprak Razgatlioglu

Superbike, Jonathan Rea: “Nulla da perdere”. Toprak: “Voglio vincere”

Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, Razgatlioglu manca il tris: problemi tecnici in gara-2

Superbike, Jonathan Rea

Toprak perfetto ma ecco perchè Rea tiene la Superbike ancora in ballo