Superbike, Sandro Cortese

Superbike, Paura per Sandro Cortese elistrasportato a Faro per controlli

Sandro Cortese, 30 anni, tedesco due volte campione del Mondo, è incappato in un serio incidente all'ultimo giro di gara 1 Superbike

8 agosto 2020 - 16:41

Il pilota tedesco Sandro Cortese è rimasto vittima di un serio incidente all’ultimo giro della prima corsa della Superbike a Portimao. Il due volte campione del Mondo (Moto3 e Supersport) è entrato in collisione con l’argentino Tati Mercado all’ultimo giro della corsa, finendo contro il muro. Sandro Cortese è stato portato al centro medico del circuito, cosciente. Dopo un primo esame i medici hanno deciso di trasportalo in eliambulanza all’ospedale di Faro, distante circa 60 chilometri. In quella sede verranno compiuti esami più approfonditi.

Paura all’ultimo giro

Sandro Cortese, residente in Baviera, ha nazionalità tedesca ma i genitori sono originari della Calabria.  Corre il Mondiale con la Kawasaki del team Pedercini, con sede a Volta Mantovana. L’incidente si è verificato mentre Cortese si stava giocando il sedicesimo posto con Leandro Mercado, quindi lontano dalle posizioni di testa. Il pilota tedesco, alla seconda stagione in Superbike,  ha tentato il sorpasso all’interno, ma Mercado ha chiuso la traiettoria e c’è stato un leggero tocco che ha causato la perdita di controllo della moto. Sandro non ha mai perso conoscenza e ai soccorritori ha lamentato dolori al costato.

Supersport Gara 1 posticipata

L’incidente di Sandro Cortese ha costretto la Race Direction a posticipare la partenza di gara 1 del Mondiale Supersport, inizialmente prevista alle 16:10 ora italiana, per indisponibilità dell’elicottero impiegato per il soccorso allo sfortunato pilota tedesco. La corsa partirà regolarmente quando l’eliambulanza rientrerà in circuito.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Chaz Davies Superbike

Superbike, Chaz Davies: “Il finale 2020 una spinta per il 2021” (VIDEO)

Superbike, Chaz Davies può vincere anche con Go Eleven? (VIDEO)

Superbike: Ecco la bozza di calendario 2021, sarà un Mondiale tutto europeo?