fores puccetti superbike box18

Superbike, Xavi Forés: “Sono in grado di fare ciò che ha fatto Alex Lowes”

Xavi Forés a Box18. "Voglio ripagare la fiducia di Puccetti." Ma si parla anche di FIM EWC, dei tanti campionati in cui ha corso... L'intervista integrale.

23 maggio 2020 - 7:28

L’inizio di stagione Superbike non è stato davvero quello desiderato per Xavi Forés. Nonostante le ottime premesse, i risultati in gara a Phillip Island non sono arrivati per diversi motivi. Gli obiettivi però rimangono assolutamente ambiziosi sia per lui che per il team Puccetti, con cui si augura “un rapporto a lungo termine”. Il pilota spagnolo, ricordiamo impegnato anche nel FIM EWC, è stato ospite di Box18, il salotto live Facebook di Corsedimoto. Ecco un estratto di quello che ha raccontato.

“Penso non sia mai successo che siamo rimasti così a lungo senza moto” ha sottolineato Xavi Forés a proposito della quarantena per l’emergenza sanitaria. “Ora ho ricominciato a fare Supermotard anche con i ragazzi MotoGP, ci siamo divertiti molto.” In attesa di ripartire e lasciarsi così alle spalle un primo round stagionale decisamente negativo. “I risultati sono stati peggiori di quanto ci aspettassimo” ha ammesso. “Mi sono trovato bene con la moto, ma in gara non si è visto ciò per cui avevamo lavorato.”

“Sono tornato a casa molto dispiaciuto, perché abbiamo un bel potenziale per stare davanti. Mi sento in grado di fare quello che ha fatto Alex Lowes.” Che, ricordiamo, ha chiuso con una vittoria ed un secondo posto in Australia. Obiettivi quindi molto ambiziosi per quella che sarà sicuramente una strana stagione, ma da parte di Forés non manca la determinazione. “Puntiamo a lottare sempre per il podio, alla ricerca di quella vittoria che è mancata per poco due anni fa [Gara 2 in Argentina, 2° dietro a Jonathan Rea, ndr].”

Ricordiamo infatti che nel 2019 non è in WorldSBK, ma lo ritroviamo al via nel BSB. Quest’anno ecco di nuovo una possibilità. “Volevo riprendere il Mondiale da dove l’avevo lasciato” ha continuato Forés. “Questo potevano offrirmelo sono Manuel Puccetti e la sua squadra. Spero sia un rapporto a lungo termine, ma sono io che devo dimostrare che hanno fatto bene a riporre la loro fiducia in me.” Puntando anche al Trofeo Indipendenti, che al momento lo vede al comando dopo un round finora disputato.

Non dimentichiamo che il pilota di Llombai ha affrontato svariati campionati nel corso della sua carriera. “Non è stato facile a livello psicologico.” Ma arrivano sempre ottimi risultati: ad esempio il titolo spagnolo nella categoria Stock Extreme o la vittoria del campionato tedesco IDM Superbike. Ma si parla anche di tutte le difficoltà vissute per motivi di budget, dell’esperienza nel Motomondiale, di FIM EWC…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Aprilia

Superbike, “Far correre l’Aprilia 1100 nel Mondiale? Non se ne parla”

Superbike, Gianni Ramello

Superbike: GoEleven diventa “Storie di una vita” il libro del sogno diventato realtà

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Mondiale difficile al primo tentativo”