MotoGP Santi Hernandez e Marc Marquez

Il capotecnico Santi: “Marc Marquez non deve cambiare mentalità”

Santi Hernandez, capotecnico di Marc Marquez, non prevede cambi di metalità in una stagione MotoGP profondamente diversa.

23 maggio 2020 - 11:22

Il campionato di MotoGP riprenderà a metà luglio a Jerez, se il governo spagnolo approverà i protocolli di sicurezza presentati da Carmelo Ezpeleta. Per Marc Marquez si presenta una sfida diversa dopo un lungo dominio incontrastato: una stagione dimezzata con gare ravvicinate e raddoppiate sullo stesso circuito. Sarà fondamentale non commettere errori e non azzardare troppo la ricerca del limite. Ma secondo il suo capotecnico Santi Hernandez non dovrà cambiare il suo modo di approcciare le gare.

Il tecnico catalano non prevede cambi di strategia, il segreto per la vittoria sarà non cambiare stile. “Con Marc soffri sempre molto. Non abbiamo ancora parlato di questo campionato, ma ha imparato dai suoi errori – ha spiegato a DAZN -. Ma la cosa più importante è mantenere il tuo DNA, essere ambiziosi e dare il 100%. Questa mentalità non deve cambiarla. La cosa più importante è essere costanti, segnare punti in ogni gara, soprattutto in una stagione MotoGP con queste caratteristiche. Nella prima gara ci saranno molte sorprese, penso che Marc debba fare quello che fa sempre“.

NESSUN CAMBIO DI STRATEGIA PER MM93

Regna una certa curiosità per rivedere in pista la Honda RC213V dopo i problemi aerodinamici scorti nel test di Losail. Ancora una volta partirà con la tipica pressione psicologica di chi è chiamato a vincere. Sarebbe il nono titolo mondiale in carriera, portandosi a pari merito con Valentino Rossi. La concorrenza si preannuncia però agguerrita con i vari Vinales, Quartararo e Dovizioso. “Quando sei con un pilota come Marquez, proprio come quando giochi in una grande squadra di calcio, qualsiasi cosa diversa dalla vittoria è un disastro. Non cambia per noi che ci siano 20 gare o 12. Ecco perché abbiamo l’obiettivo del Mondiale e la nostra mentalità in questo senso non cambia“.

La grande novità è l’arrivo di suo fratello Alex nello stesso box, ma non avrà conseguenze né mentali né strategiche. “Sia Marc che la squadra hanno un solo obiettivo: vincere. E non importa chi si trova dall’altra parte del box – ha concluso Santi Hernandez -. A livello professionale, se vuoi diventare un campione, devi vincerli tutti, indipendentemente da chi sia tuo fratello. Come squadra, siamo molto chiari su questo“.

1 commento

biccio464_14867078
15:56, 23 maggio 2020

Deve cambiare moto infatti…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

rins motogp

MotoGP: Alex Rins, finalmente il podio! Con ‘saluto’ e dedica a Luis Salom

marini moto2

Moto2, Luca Marini vince ancora: “Lowes molto veloce, poi la gomma è calata…”

MotoGP, Fabio Quartararo in Catalunya

MotoGP, Fabio Quartararo in stile Gomorra: “La mia vittoria più bella”