Superbike, svelata la Kawasaki 2020 di Rea e Lowes

Jonathan Rea e Alex Lowes presentano a Barcellona la nuova Ninja ZX-10RR con cui daranno l'assalto al titolo Superbike 2020.

6 febbraio 2020 - 20:12

È il giorno della presentazione del team Kawasaki campione del mondo di Superbike. Jonathan Rea e Alex Lowes prendono la parola nella grande giornata dei team MotoGP per svelare la livrea della Ninja ZX-10RR. Il pentacampione nordirlandese darà l’assalto al sesto titolo consecutiv. A intralciargli il cammino troverà i soliti Bautista, Davies, Razgatlioglu e il neo arrivato Redding che promette battaglia. Dopo un sorprendente 2019, con un inizio di campionato tutto in salita, Rea non ha mai mollato la presa aggiudicandosi il titolo con un gap di 165 punti su Alvaro Bautista. “Vincere il titolo l’anno scorso è stato il più difficile, ma devi affrontare ogni volta delle sfide“.

Nel primo test Superbike di Jerez Johnny ha chiuso al comando al termine di tre giorni sul bagnato, mentre a Portimao il team verde ha preferito non girare, dirottando verso Catalunya. “Durante i test invernali non ho commesso errori, siamo stati veloci quando necessario”, ha dichiarato la stella Kawasaki. “L’anno scorso abbiamo imparato alcune lezioni con la nostra moto, ora stiamo cercando di ottenere il meglio da essa“.

Sul palco allestito presso la sede di Barcellona presente lo staff al completo della KRT. Al fianco del campione presente il suo capotecnico Pere Riba: “Jonathan è il migliore della storia ed è in splendida forma“. I due alfieri KRT, insieme sul divano di pelle nera piazzato sul palco, hanno mostrato una buona intesa. “Sarà interessante quando Alex Lowes sarà più veloce di me. Questo mi consentirà di vedere in quali aree posso migliorare“, ha dichiarato Jonathan Rea.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike, Alvaro Bautista: “Siamo ancora lontani dal podio”

Scott Redding

Superbike: Scott Redding fantastico podio con Ducati, però…

Superbike, Michael Rinaldi: “Seconda metà di gara col passo dei primi”