melandri barni superbike

Superbike: Melandri-Barni Racing, la sfida tra curiosità ed entusiasmo

A Jerez il ritorno di Melandri, ingaggiato da Barni Racing Team. Un'interessante sfida per squadra e pilota in questa stagione Superbike di nuovo al via.

29 luglio 2020 - 9:46

Il ritiro di Marco Melandri è durato pochi mesi, ora si rimette in gioco nel Mondiale Superbike 2020. Assieme al Barni Racing Team, che l’ha chiamato per sostituire un Leon Camier costretto allo stop per seri guai fisici. Una scommessa sia per Marco Barnabò che per il 38enne romagnolo, chiamati questo fine settimana alla prima sfida insieme sul rovente tracciato di Jerez de la Frontera. Un circuito che evoca dolci ricordi al #33: doppietta con Aprilia nel 2014, più altri quattro podi (con BMW, Ducati e Yamaha). L’anno scorso è stato terzo in Superpole, Gara 1 e Superpole Race, cadendo in Gara 2 solo per un contatto.

Sfida esaltante o salto nel vuoto?

“Non vedo l’ora di salire in sella venerdì mattina” ha dichiarato Marco Melandri, entusiasta per questa nuova avventura nelle derivate di serie. “Il primo contatto con la Ducati Panigale V4 R è stato davvero divertente e interessante. Sono curioso di vedere il mio livello in mezzo agli altri piloti, capire se le mie sensazioni sono state corrette e individuare su quale area devo lavorare maggiormente. La cosa più importante sarà riprendere il ritmo gara, ma trovarsi di nuovo in griglia e veder scattare di nuovo il semaforo sarà fantastico. Sono pronto a dare il meglio di me stesso in moto, cosa che non mi è riuscita nell’ultimo anno: c’è voglia di riscatto.”

“L’esperienza aiuterà”

“Sono molto curioso di vedere cosa saremo in grado di fare la prima gara” ha aggiunto Marco Barnabò, che a lungo aveva inseguito la possibilità di avere Melandri nel suo box. “È chiaro che partiamo un po’ svantaggiati rispetto a chi ha fatto tanti chilometri di test e si è cucito addosso la moto. Sono però molto fiducioso: nella prima uscita con Marco ho avuto subito l’impressione che avesse idee molto chiare su quello che serve. Penso che saremo in grado di esaudire le sue richieste. La sua esperienza ci aiuterà a colmare lo svantaggio iniziale quindi sono sicuro che faremo un ottimo weekend e ci divertiremo.”

1 commento

wwwcarmel_14942506
10:24, 29 luglio 2020

Dobbiamo ancora vederlo….che noia!!
Non poteva starsene dove era??

POTRESTI ESSERTI PERSO:

locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli, la cinquina storica da fuga iridata

Superbike

Superbike: Honda HRC al limite, ha già fatto fuori tre motori

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea stuzzica Scott Redding “E’ stato facile dominare”