Superbike, Jonathan Rea ad Aragon

Superbike Aragon, Superpole Race: la vendetta di Jonathan Rea

Jonathan Rea si aggiudica la Superpole di Aragon e si porta a -2 in classifica Superbike da Scott Redding. Alle 14:00 la Gara-2 per tentare il sorpasso.

30 agosto 2020 - 11:23

Jonathan Rea ha inaugurato la domenica di Superbike ad Aragon segnando il best lap nel warm-up. E nella Superpole Race inizia subito in testa anche se la sua partenza non è stata perfetta. All’inseguimento del pentacampione il solito Scott Redding che a cinque giri dalla fine sorpassa Loris Baz e prova a dare l’assalto al nordirlandese.

Johnny gira costantemente sull’1’49” alto senza mai oltrepassare il muro dell’1’50” e alla fine gestisce il vantaggio. Per lui quarta vittoria stagionale in Superpole Race, guadagna tre punti in classifica e si porta a -2 da Scott Redding. “Buono aver guadagnato una posizione in griglia per oggi, sapevamo che in queste condizioni di fresco Kawasaki va meglio di noi – ha detto il pilota inglese della Ducati -. Tutte le Ducati hanno fatto fatica all’inizio, ma oggi pomeriggio sarà una gara lunga“.

Podio Yamaha con Van der Mark

Dietro i soliti due matador del campionato sono van der Mark, Lowes e Bautista a contendersi il gradino più basso del podio, con l’olandese della Yamaha che ha la meglio. A seguire Alvaro Bautista, Chaz Davies e Alex Lowes, davanti a Toprak Razgatlioglu e Michael Rinaldi. Gara in salita per Chaz Davies che non trova grip al posteriore e ha difficoltà a risalire verso le posizioni di vertice nei primi giri, ma chiude 5°: oggi pomeriggio partirà davanti e gli scenari potrebbero cambiare.

Nelle prime fasi incidente in curva 9 con Tom Sykes che esce nella ghiaia e al rientro tocca Tati Mercado mettendolo al tappeto. La Superbike torna in scena al MotorLand di Aragon alle ore 14:00 per la Gara-2, dove Jonathan Rea proverà a riprendersi la leadership del WorldSBK.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Gianni Ramello

Superbike: GoEleven diventa “Storie di una vita” il libro del sogno diventato realtà

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Mondiale difficile al primo tentativo”

ana carrasco

Ana Carrasco, inizia la riabilitazione: le cicatrici sulla schiena