Supersport 300 Jerez, Gara: Marc García Campione del Mondo

Marc García batte per un solo punto Alfonso Coppola e diventa il primo Campione del Mondo Supersport 300. In gara storica vittoria dell'indonesiano Pratama.

22 ottobre 2017 - 13:20

Il Mondiale Supersport 300 ha il suo primo Campione del Mondo in Marc García! Il giovane pilota spagnolo entra nella storia del motociclismo come il vincitore della prima edizione del WorldSSP300 e questo successo arriva al termine di una gara emozionante e combattuta che lo ha visto chiudere in quarta posizione alle spalle del suo rivale Alfonso Coppola, 3° al traguardo dietro a Scott Deroue e al sorprendente vincitore Galang Hendra Pratama.

TITOLO – A Marc García bastava terminare davanti a Coppola o fare massimo quattro punti in meno di lui per assicurarsi il titolo e così è andata, visto che ha conquistato tredici punti contro i 16 del pilota campano, visibilmente deluso al termine della gara per aver visto sfumare le chances idirate per un solo punto (138 contro i 139 del catalano). Per García la vittoria del campionato arriva al termina di una stagione che lo ha visto ottenere due vittorie (Imola e Magny Cours) e altri tre piazzamenti sul podio e per il team Halcourier MS Racing questo rappresenta il secondo titolo dopo quello a squadre, conquistato già a Magny Cours.

STORIA – Oltre a García primo Campione del Mondo Supersport 300, a Jerez si è celebrato un altro evento storico e si tratta della prima vittoria di un indonesiano in un campionato del mondo: la gara di Jerez è stata vinta a sorpresa dalla wild card di Jakarta Galang Hendra Pratama. Il pilota del team MotoXRacing ha lottato per la vittoria fino all’ultimo giro con un gruppo di sette piloti e si è più volte alternato in testa insieme a Coppola, García, Scott Deroue e il pilota KTM Omar Bonoli. All’ultimo di undici giri a dir poco pazzeschi Pratama si è presentato in testa all’uscita dell’ultima curva davanti a Scott Deroue e dopo essersi difeso da un ultimo tentativo da parte dell’olandese si è assicurato una vittoria di importanza storica. Insomma, a Jerez si è scritta la storia due volte!

COPPOLA – Il grande deluso della giornata è ovviamente Alfonso Coppola, visibilmente frustrato dopo aver perso il Mondiale per un solo punto. Il pilota campano merita comunque grandi applausi per averci provato fino all’ultimo momento nonostante la grande bagarre e la sua resta comunque una stagione da incorniciare visto che da Assen in avanti è salito sempre sul podio ottenendo anche una vittoria a Donington Park (persa poi per squalifica) e un altro successo al Lausitzring.

GLI ALTRI – Dietro a Pratama, Deroue, Coppola e García hanno chiuso le KTM di Omar Bonoli e Jan-Ole Jaehnig, protagoniste di una bella gara ma fuori classifica in virtù della mancata omologazione della moto, e il quinto posto è quindi andato a Dani Valle davanti a Robert Schotman, Enzo de la Vega e Mika Pérez, con Borja Sánchez nono dopo essere partito trentesimo e un buon Paolo Giacomini a chiudere la top 10. A punti anche Jacopo Facco (13°), mentre c’è grande rammarico per Ana Carrasco: dopo un inizio da protagonista la pilota spagnola ha dovuto scontare un ride through per partenza anticipata e questo l’ha poi costretta a rimontare fino alla quattordicesima posizione. Peccato, perché avrebbe potuto sicuramente giocarsi la vittoria. Queste, invece, le posizioni degli altri italiani: 16° Armando Pontone, 18° Filippo Rovelli, 22° Michael Carobera, 23° Manuel Bastianelli, 27° Marco Carusi, 28° Nicola Settimo,  31° Edoardo Rovelli, ritirato Alex Triglia.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike 2020, Kiefer Racing

Superbike 2020: Kiefer Racing cambia scenario con Jonas Folger e BMW?

Kevin Manfredi

CIV Supersport: Kevin Manfredi assolto, ma non conterà

Jonathan Rea, Scott Redding

Jonathan Rea: “Ducati ha scelto il top, Scott Redding ha talento”