MotoGP: Il Messico inserito nel calendario provvisorio del 2019

La MotoGP in Messico? Sembra una possibilità concreta, visto che il paese del Centro America è stato inserito nel calendario provvisorio per la prossima stagione.

5 agosto 2018 - 8:37

Se ne parlava nella giornata di sabato in seguito ad alcune dichiarazioni rilasciate dai piloti MotoGP nel corso della riunione della Commissione di Sicurezza, ma ora sembra qualcosa di più concreto: il Motomondiale potrebbe correre anche in Messico nel 2019, visto che la tappa all’Autodromo Hermanos Rodríguez è stata inserita provvisoriamente nel calendario della prossima stagione.

Avremmo quindi una stagione da ben 20 gare, in attesa di sapere come procedono i lavori per il tracciato finlandese del KymiRing (avrebbe dovuto ospitare un GP nel 2019, ma molto probabilmente la pista non sarà completata prima della prossima estate). L’autodromo messicano, sottoposto a molte modifiche nel corso degli anni, è tornato ad ospitare la Formula 1 dal 2015, ma ci sarà bisogno di qualche modifica per rendere il layout compatibile per una competizione motociclistica. Da parte ci Dorna c’è l’assicurazione che sarà tutto pronto entro aprile, ma ulteriori conferme arriveranno nei prossimi mesi.

Si tratterebbe della prima volta in Messico per il Motomondiale, una tappa provvisoriamente inserita dopo il Gran Premio dell’Argentina, probabilmente da disputare la settimana antecedente a quello delle Americhe, in Texas, secondo quanto riporta crash.net. Intitolato ai due piloti messicani Ricardo e Pedro Rodríguez (il primo deceduto durante la prima edizione del Gran Premio), è un circuito automobilistico permanente posto in un parco alla periferia di Città del Messico, a circa 2300 metri di quota. Lungo originariamente 5000 metri, è stato in seguito modificato e accorciato fino alla lunghezza attuale di 4304 metri.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoE: Ecco presentato il team Octo Pramac

Ken Roczen: “Una vittoria importante per me e per la squadra”

Max Biaggi assolto dall’accusa di evasione fiscale