MotoGP, Austin: Primo successo di Alex Rins, Valentino Rossi 2°

Alex Rins e Suzuki in trionfo sul tracciato di Austin, primo successo in MotoGP per lo spagnolo, Sul podio anche Rossi e Miller, Honda KO.

14 aprile 2019 - 21:54

Il Gran Premio delle Americhe ha riservato non poche sorprese. Il nome del vincitore è quello di Alex Rins, che trionfa per la prima volta in MotoGP. Lo spagnolo, oltre a far esultare Suzuki, diventa il primo pilota a vincere su questo tracciato in tutte e tre le categorie. Al secondo posto c’è Valentino Rossi, primo podio del 2019 per Jack Miller, 3° e miglior Ducati al traguardo. Honda KO con le cadute di Márquez e Crutchlow, oltre al problema meccanico (altra catena rotta) di Lorenzo.

Scatta al meglio Márquez, seguito da Rossi, Crutchlow e Miller, mentre riesco a rimontare presto anche Rins e soprattutto Dovizioso, rispettivamente quinto e sesto dopo poche curve. Problemi dopo appena un giro per Aleix Espargaró, scivolato alla curva 14 e ripartito molto indietro, prima di rientrare ai box. Anche in questa gara abbiamo partenze anticipate: i responsabili sono Viñales e Mir, penalizzati con un ride through.

Finisce anzitempo la gara di Crutchlow, ma il vero colpo di scena è la caduta di Márquez: per la prima volta in sette edizioni non sarà lui il vincitore ad Austin. Doppio zero in casa Repsol Honda: si rompe nuovamente la catena sulla RCV di Lorenzo, con lo spagnolo costretto al ritiro. In testa intanto sono Rossi e Rins a dettare il passo, in aperta competizione tra loro con ampio margine su tutti gli inseguitori.

Incredibile giornata per Alex Rins e Suzuki, in trionfo sul tracciato texano di Austin. Chiude in seconda posizione Valentino Rossi, che non riesce a resistere all’assalto dello spagnolo, mentre è 3° Jack Miller, miglior pilota di team indipendente. In quarta piazza c’è Andrea Dovizioso (nuovo leader iridato), a precedere Franco Morbidelli e Danilo Petrucci, mentre Fabio Quartararo 7° è ancora una volta il miglior rookie. Unica Honda al traguardo quella di Takaaki Nakagami, che chiude la top ten.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP, Fabio Quartararo festeggia 20 anni come miglior rookie

Moto2, Tom Lüthi: “La stagione in MotoGP una ‘buona scuola’ “

Rossi, Marquez e Crutchlow promuovono la Moto2