ARRC ASB1000 Bend Gara 1: Bryan Staring beffa tutti

Da sostituto dell'infortunato Warokorn, Bryan Staring trionfa in Gara 1 dell'ASB1000 in casa al Bend Motorsports Park davanti al connazionale Broc Parkes.

27 aprile 2019 - 11:13

Tre gare finora andate in archivio, tre differenti vincitori. L’alternanza di protagonisti sul gradino più alto del podio della neonata classe ASB1000 (Superbike) dell’Asia Road Racing Championship prosegue anche al Bend Motorsports Park. In Australia, per il cosiddetto “International Motofest” in concomitanza con l’ASBK, Bryan Staring si è assicurato la vittoria in Gara 1 da (illustrissimo) sostituto dell’infortunato Thitipong Warokorn sotto le insegne del Kawasaki Thailand Racing Team. Un successo importante, non l’unico della giornata per Staring: poche ore più tardi ha fatto sua anche l’affermazione di Gara 1 dell’Australian Superbike…

STARING FA GLI ONORI DI CASA

All’ex pilota della MotoGP, Superbike e Superstock 1000 internazionale è parso fin troppo facile mettere a segno questa vittoria. Scattato dalla seconda casella, Staring ha subito rilevato le operazioni dal poleman nonché connazionale Broc Parkes, come suo solito partito malissimo tanto da ritrovarsi in quarta posizione. Mentre Parkes era impegnato nella sua rimonta, Staring ha messo a segno questa vittoria diventando il terzo differente vincitore dell’ASB1000 dopo Azlan Shah Kamaruzaman (oggi 5°) e Zaqhwan Zaidi (4° sul traguardo).

1-2 AUSTRALIA

Con Bryan Staring che consegna al Kawasaki Thailand Racing Team diretto da Katsuaki Fujiwara la prima vittoria, Broc Parkes è riuscito a salvare il salvabile con un buon secondo posto in ottica campionato. L’ex vice-iridato Supersport, reduce dalla 24 ore di Le Mans disputata con YART Yamaha, ha preceduto il compagno di squadra Yuki Ito, terzo a completare il quadro dei portacolori Yamaha ASEAN. Aspettando Gara 2, TJ Alberto con la prima Ducati Panigale V4 R ha invece concluso undicesimo.

Asia Road Racing Championship 2019
ASB1000 – Superbike
Bend Motorsports Park, Classifica Gara 1

1- Bryan Staring – Kawasaki Thailand Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 12 giri

2- Broc Parkes – Yamaha Racing Team ASEAN – Yamaha YZF R1 – + 2.117

3- Yuki Ito – Yamaha Racing Team ASEAN – Yamaha YZF R1 – + 8.083

4- Zaqhwan Zaidi – Honda Asia Dream Racing with Showa – Honda CBR 1000RR SP2 – + 10.379

5- Azlan Shah Kamaruzaman – ONEXOX TKKR SAG Team – BMW S1000RR – + 12.801

6- Apiwath Wongthananon – Yamaha Thailand Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 19.066

7- Ratthapong Wilairot – Yamaha Thailand Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 31.582

8- Ahmad Yudhistira – Victor Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 38.904

9- Chaiwichit Nisakul – Kawasaki Thailand Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 48.905

10- Farid Hisham – ONEXOX TKKR SAG Team – BMW S1000RR – + 48.953

11- TJ Alberto – Access Plus Racing Ducati Philippines Essenza Team – Ducati Panigale V4 R – + 50.665

12- Kazuma Tsuda – Victor Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 1’03.362

13- Yannis Shaw – DB Racing Services – Kawasaki ZX-10R – + 1’04.455

14- Jonathan Serrapica – Access Plus Racing Ducati Philippines Essenza Team – Ducati Panigale V4 R – a 1 giro

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

All Japan Superbike Sugo: Takumi Takahashi con HRC dominatore

BSB Donington Gara 3: tris di Scott Redding ed è il nuovo leader

British Talent Cup: Campionato con 10 round dal 2020