Oli Bayliss

Oli Bayliss debutta in Superbike con una Ducati Panigale V4 R

Oli Bayliss, figlio del leggendario tri-Campione del Mondo Troy, debutterà questo weekend con una Superbike in sella ad una Ducati Panigale V4 R.

18 agosto 2020 - 11:10

Buoni risultati nella Supersport 300, incoraggiante debutto tra le 600, adesso per Oli Bayliss è già arrivato il momento dello step successivo di carriera. Il figlio del leggendario tri-Campione del Mondo Troy Bayliss questo weekend correrà a Morgan Park in sella ad una Ducati Panigale V4 R del team DesmoSport Ducati affiancando il campione ASBK in carica Mike Jones.

DEBUTTO IN SUPERBIKE

Sedici anni compiuti, Oli Bayliss anticiperà i tempi già questo fine settimana. Aspettando la ripresa dell’ASBK (Australian Superbike) prevista per il 16-18 ottobre prossimi al Wakefield Park Raceway, Oli prenderà parte alla seconda tappa della Queensland’s Southern Downs Road Race Series in agenda questo weekend a Morgan Park. “Sono super entusiasta di questa opportunità“, ha ammesso Oli. “Essendo alla mia prima uscita con una Superbike, non mi metterò troppa pressione. Cercherò di imparare il più possibile e seguire le indicazioni di mio padre e Ben Henry“.

SECONDA GENERAZIONE DI DUCATISTI

Dopo Troy, con Oli prosegue la tradizione della famiglia Bayliss legata al marchio Ducati. Il team DesmoSport dello stesso tri-Campione del Mondo e Ben Henry ha preso questa decisione in prospettiva. “Sono entusiasta di vedere Oli debuttare in Superbike proprio in sella con una Ducati“, ha ammesso Troy Bayliss. “E’ strano pensare che io ho corso per la prima volta in Superbike quando avevo 10 anni più di lui, ma Oli è già pronto. Negli ultimi mesi è cresciuto molto fisicamente e mentalmente, pertanto siamo pronti ad aiutarlo per questo esordio“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Motoestate

Storie di Motoestate: ragazze veloci, ospiti top e quei pazzi sul ghiaccio (VIDEO)

motoestate 2020

Trofei MP Dynasty Exhaust Motoestate, i risultati del secondo round 2020

ARRC

Clamoroso: cancellata la stagione 2020 dell’ARRC causa COVID-19