MotoAmerica

MotoAmerica VIR Gara 1: Gagne imprendibile, Baz giù dal podio

In Gara 1 della MotoAmerica Superbike in Virginia si impone da dominatore Jake Gagne, Loris Baz porta la Ducati a ridosso del podio.

22 maggio 2021 - 22:38

Da un dominatore all’altro. Il circus MotoAmerica ha perso quest’anno il suo “Re” Cameron Beaubier direzione Moto2, ma ha trovato in Jake Gagne quasi una sorta di suo clone. Liberatosi dall’ingombrante presenza del pluri-Campione AMA/MotoAmerica, il californiano sta continuando a mietere successi con una spietata continuità. Con annessi record, oltretutto. Alla trionfale Gara 2 di Road Atlanta, Gagne ha messo a segno una perentoria affermazione nella prima manche andata in scena al Virginia International Raceway (VIR) di Alton, rifilando distacchi abissali ai più diretti (si fa per dire…) inseguitori.

GAGNE IMPRENDIBILE

Scorgendo la classifica, si direbbe che Gagne non stia incontrando avversari lungo il cammino. Tutt’uno con la R1 vestita con i colori Fresh N’ Lean, l’ex Campione della Red Bull MotoGP Rookies Cup sta legittimando questi successi con un ritmo spaziale. “Alla Beaubier“, insomma: pole record, primato della pista al primo giro lanciato, fuga in solitaria verso la vittoria. Alla concorrenza restano pertanto le briciole e sfruttare eventuali suoi passi falsi, come accaduto nella prima gara stagionale di Braselton con il motore della sua R1 in fumo.

SCHOLTZ SI CONFERMA

Con la meteora del Mondiale Superbike 2017-2018 con Ten Kate Honda incontenibile, a Mathew Scholtz (Westby Racing Yamaha) non resta che consolarsi con un buon secondo posto. Grazie ad un rendimento costante frutto di 1 vittoria e 2 secondi posti, oltre che al già menzionato zero maturato da Gagne a Road Atlanta, il sudafricano conserva la leadership di campionato, con prospettive di ripetersi quantomeno per il podio domani in Gara 2.

CHE LOTTA PER IL PODIO!

A proposito di lotta per la top-3, se là davanti Gagne e Scholtz hanno corso in solitaria, la bagarre per la terza posizione ha riservato 20 giri dall’elevato tasso di spettacolarità. Josh Herrin, Loris Baz e Cameron Petersen si sono dati battaglia senza esclusione di colpi, con l’esperienza del Campione AMA Superbike 2013 a far la differenza all’ultimo giro concretizzando l’ennesimo podio tutto Yamaha. Per il Ducatista Loris Baz, pur sempre rookie oltreoceano, resta qualche rimpianto per un terzo posto sfumato sul più bello, mettendosi in mostra con qualche sorpasso aggressivo in staccata della prima curva, ma anche qualche sbavatura di troppo. Interpretazione dell’ultima curva compresa, tanto da rischiare di perdere persino la quarta posizione, conservata soltanto al photofinish per una manciata di millesimi sul combattivo Cameron Petersen.

DISASTRO FONG

Proprio quest’ultimo si ritrova a salvare parzialmente il bilancio del Team Hammer/M4 ECSTAR Suzuki a causa della Caporetto vissuta da Bobby Fong. Saldamente terzo con 4″7 di margine sul terzetto di inseguitori, all’ottavo giro ha rallentato vistosamente per un temporaneo inconveniente, inspiegabilmente risoltosi in corso d’opera. Troppo tardi per non andare oltre la dodicesima posizione, con un Hector Barbera persino commovente nel condurre da esordiente la vecchia BMW dello Scheibe Racing al sesto posto assoluto.

MotoAmerica HONOS Superbike 2021
Virginia International Raceway, Classifica Gara 1

1- Jake Gagne – Fresh N’ Lean Attack Performance Yamaha – Yamaha YZF R1 – 20 giri in 28’22.548

2- Mathew Scholtz – Westby Racing LLC – Yamaha YZF R1 – + 11.849

3- Josh Herrin – Fresh N’ Lean Attack Performance Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 15.478

4- Loris Baz – Warhorse HSBK Racing Ducati New York – Ducati Panigale V4 R – + 16.272

5- Cameron Petersen – M4 ECSTAR Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 16.278

6- Hector Barbera – Scheibe Racing – BMW S 1000 RR – + 23.184

7- Kyle Wyman – Panera Bread Ducati – Ducati Panigale V4 R – + 28.561

8- Jayson Uribe – FLY Racing ADR Motorsports – Suzuki GSX-R 1000 – + 52.113

9- Jake Lewis – Altus Motorsports – Suzuki GSX-R 1000 – + 52.400

10- Travis Wyman – Travis Wyman Racing – BMW S 1000 RR – + 54.474

11- Corey Alexander – HONOS HVMC Racing – Kawasaki ZX-10RR – + 57.685

12- Bobby Fong – M4 ECSTAR Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 58.307

13- Geoff May – Geoff May Racing/VisionWheel.com – Honda CBR 1000RR-R- + 1’04.869

14- Max Flinders – Thrashed Bike Racing LLC – Yamaha YZF R1 – + 1’05.232

15- Michael Gilberts – Michael Gilberts Racing – Kawasaki ZX-10R – + 1’08.913

16- Andrew Lee – Franklin Armory/Disrupt/RG Racing – Kawasaki ZX-10R – + 1’16.894

17- Wyatt Farris – M4 ECSTAR Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – a 1 giro

18- Jeremy Coffey – Speed Monkey Racing – BMW S 1000 RR – a 1 giro

19- Joseph Giannotto – Limitless Racing – Kawasaki ZX-10R – a 1 giro

20- Hunter Dunham – Hunter Dunham Racing – Yamaha YZF R1 – a 1 giro

21- Danilo Lewis – Tecfil Racing Team – BMW S 1000 RR – a 1 giro

22- Jeffrey Purk – Legacy Dental PC – Yamaha YZF R1 – a 1 giro

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

joel kelso cev moto3 misano

CEV Moto3, Misano: secondo trionfo di Joel Kelso, sbaglia Holgado!

david munoz cev moto3

CEV Moto3, Misano: David Muñoz prima pole, Holgado dalla 9^ casella

daniel holdago cev moto3

Moto3: i talenti del CEV alla scoperta di Misano, Holgado campione?