MotoAmerica “copia” il BSB: via libera alla centralina MoTeC

Da quest'anno nella MotoAmerica Superbike ammessa la centralina unica MoTeC, con lo stesso firmware del BSB, ma con previsti gli aiuti elettronici: la novità nel dettaglio.

8 gennaio 2019 - 12:01

La rivoluzione (moto)americana. Così si può definire la stagione 2019 della MotoAmerica Superbike, serie in cerca di un rilancio finora mai (oggettivamente) avvenuto. Per questo fine si stanno vagliando opportune contromisure per sovvertire il decremento nel numero degli iscritti (eventi con 14 piloti al via, Superstock 1000 compresa…) registratosi lo scorso anno, inseguendo la formula del contenimento dei costi attraverso alcune scelte tanto drastiche, quanto inevitabili. Sorprendenti, se vogliamo, considerando che si parla di un campionato su “impronta” Dorna Sports, seppur con l’autonomia decisionale di Wayne Rainey e del suo staff.

L’anno nuovo della MotoAmerica Superbike presenta una vasta schiera di novità sul piano tecnico-regolamentare, la più importante delle quali ripresa appieno da uno dei campionati maggiormente in salute del globo: il BSB. Prender ispirazione (in questo caso addirittura… “copiare”) da realtà di successo è cosa buona e giusta, a maggior ragione in un campionato in cerca della definitiva rinascita e dalla filosofia particolarmente invitante ad un regolamento che si discosta dalle prerogative del World Superbike.

Una tesi, in questo caso, suffragata dai fatti. A partire da questa stagione, la MotoAmerica Superbike adotterà una regolamentazione in materia di elettronica “BSB Style“: centralina unica MoTeC M130, addirittura con il medesimo firmware di MoTeC UK adottato dal British Superbike. L’unica differenziazione? Oltreoceano gli aiuti elettronici quali controllo di trazione, antiwheelie e launch control saranno consentiti.

Il “pacchetto MoTeC” sarà prevalentemente destinato ai team privati con costi contingentati (5852 dollari più tasse), andando ad affiancarsi alle specifiche ECU 2018 (“Superbike Kit Systems”) prodotti dalle case costruttrici o da aziende del settore (vedi Magneti Marelli) di derivazione WSB. Di certo l’introduzione, a costi tutto contenuti, della centralina di stampo-BSB potrebbe anticipare ulteriori novità in ottica 2020: elettronica uguale per tutti?

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP: Suzuki al lavoro su un telaio modificato

Superbike Misano: Alvaro Bautista “La caduta è già dimenticata”

Superbike Misano: Lorenzo Zanetti sulla Ducati Go Eleven