Le Mans

24h Le Mans decisiva per il titolo FIM EWC: i precedenti

Posticipata a settembre, la 24 ore di Le Mans chiuderà la stagione del FIM EWC. In tre distinte occasioni ha assegnato il titolo iridato nel recente passato...

18 marzo 2020 - 12:19

Con lo slittamento della 24 ore di Le Mans causa Coronavirus dal 18-19 aprile al 5-6 settembre prossimi, la maratona Endurance della Sarthe di conseguenza chiuderà la stagione 2019/2020 del FIM EWC. Una finalissima della specialità non propriamente inedita per quanto concerne la 24 Heures Motos, che già nel triennio 2012-2014 chiuse la stagione del Mondiale Endurance Moto, assegnando contestualmente il titolo iridato di categoria. Andiamo a rivivere quanto accaduto in questi tre illustrissimi precedenti.

SERT CAMPIONE CON IL BRIVIDO

Per la seconda volta consecutiva di scena nel mese di settembre, la 24 ore di Le Mans rappresentò nel 2012 l’atto conclusivo del Mondiale Endurance. Un “Grand Finale” vissuto col brivido per la Suzuki SERT, in grado tuttavia di garantirsi il dodicesimo titolo iridato della propria storia. Presentatosi sul tracciato della Sarthe con un rassicurante vantaggio di 19 punti rispetto a BMW Motorrad France Thevent, lo squadrone di Dominique Meliand riuscì a gestire la situazione, salvo tuttavia inciampare in un’irregolarità in una sosta. Per un’infrazione al regolamento dovette scontare uno stop and go, consegnando di fatto la vittoria di tappa al Team Kawasaki SRC con Julien Da Costa, Gregory Leblanc e Freddy Foray in sella.

Alla SERT rimase il secondo posto, ampiamente sufficiente per garantirsi il titolo mondiale davanti a BMW #99 (terzi in gara e vice-Campioni 2012) grazie ai titolari Vincent Philippe ed Anthony Delhalle affiancati per l’occasione da Takuya Tsuda, pilota Yoshimura alternatosi nel corso del campionato a Yukio Kagayama.

2013: SERT FA 13, MA CHE RISCHIO!

Per il secondo anno consecutivo la 24 ore della Sarthe chiuse la stagione, offrendo nel 2013 uno dei finali più coinvolgenti, travolgenti e rocamboleschi di sempre. Presentatasi a Le Mans con i favori del pronostico, la SERT tuttavia dovette subire un inizio traumatico. Apparentemente a causa dell’olio lasciato da un’altra moto, Vincent Philippe si ritrovò a terra dopo soli 15 minuti di gara, danneggiando e non poco la Gixxer #1. Dopo 8 soste ai box per quasi 2 ore di interventi, la SERT riuscì a riprendere il via della pista, seppur 54esima e ormai tagliata fuori dai giochi per la vittoria.

Proprio quando tutto sembrava portare verso il titolo di GMT94 Yamaha , una scivolata alla Chicane Dunlop di David Checa relegarono la squadra di Christophe Guyot al terzo posto, non abbastanza per sovvertire i valori espressi dalla classifica di campionato. Grazie al 26° posto assoluto (dodicesimo di classe EWC), la SERT festeggiò per soli 5 punti il tredicesimo titolo iridato della propria storia con Vincent Philippe, Anthony Delhalle e Alex Cudlin in sella. Per quanto concerne la vittoria di gara, poker per Kawasaki SRC con Gregory Leblanc, Nicholas Salchaud e Fabien Foret, quest’ultimo incappato in una caduta per un’incomprensione con un doppiato. A sorpresa secondo posto per il Team R2CL, schierando eccezionalmente Guy Martin nell’equipaggio titolare.

2014: A SERT LA GARA, A GMT94 IL TITOLO

Complice la cancellazione della 8 ore di Doha, nel 2014 per la terza occasione consecutiva Le Mans chiuse la stagione del Mondiale Endurance, l’ultima sotto la gestione diretta della FIM in qualità di promoter. Per la prima volta in tempi recenti, la Suzuki SERT si presentò al Circuito Bugatti nel ruolo di inseguitrice, senza tuttavia riuscire a centrare il quattordicesimo titolo iridato. Nonostante una 24 ore dominata dall’inizio alla fine conquistando tutti e 60 i punti in palio, per la prima volta dal 2009 la squadra di Dominique Meliand dovette cedere il #1 a GMT94 Yamaha.

Al secondo alloro mondiale della propria storia, la compagine di Christophe Guyot si accontentò del secondo posto con la R1 condotta da David Checa, Kenny Foray e Mathieu Gines, artefici del bis iridato dopo il successo del 2004. Proprio al termine delle 24 ore, come evidenziato dalla foto d’apertura, le squadre duellanti al titolo si presentarono quasi in parata: Vincent Philippe con la Gixxer #1 festeggiando una vittoria che alla SERT mancava dal 2008, David Checa con la R1 #94 in trionfo con GMT94 Campione del Mondo 2014.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Suzuka Try Out

Stravolti i Suzuka Try Out per la 8 ore 2020

Honda

L’ultima Honda CBR #111 Endurance finisce su eBay

8 ore di Suzuka 2020

La 8 ore di Suzuka 2020 si farà? Dieci giorni decisivi