12h Estoril

YART Yamaha in pole provvisoria alla 12h Estoril per 0″058 su BMW

Nel tempo medio soltanto 58 millesimi separano YART Yamaha e BMW Motorrad World Endurance al termine delle prime qualifiche della 12h Estoril del FIM EWC.

15 luglio 2021 - 18:58

In base al potenziale velocistico espresso nell’edizione 2020, sono proprio YART Yamaha e BMW Motorrad EWC le squadre più attese della 12h Estoril. Una tesi ribadita dalla giornata di test del martedì, dalle prove libere e, soprattutto, dalla prima tornata di qualifiche ufficiali. Per soli 58 millesimi, nel raffronto del tempo medio è la squadra dei Tre Diapason a spuntarla assicurandosi la pole provvisoria con Karel Hanika, Marvin Fritz ed il nostro Niccolò Canepa in sella.

YART YAMAHA AL TOP

Vincitori lo scorso anno, YART si è ripresentata ad Estoril con una missione: lasciarsi alle spalle il prematuro epilogo della 24 ore di Le Mans, riaprendo contestualmente i giochi-campionato. In termini di potenziale, la R1 #7 ben si adatta ai 4.182 metri del circuito portoghese, con la nuova elettronica Marelli che dovrebbe garantire una migliore gestione dei consumi. Si vedrà in gara, nel frattempo YART prenota la pole (e potenziali 5 punti addizionali) con il tempo medio di 1’39″187. Un crono frutto dei riferimenti conseguiti da Niccolò Canepa (1’39″088), Marvin Fritz (1’39″289) e Karel Hanika (1’39″187), trio omogeneo che punta alla quarta pole di fila nel FIM EWC.

OCCHIO A BMW

A soli 58 millesimi da questo tempo medio, la BMW M 1000 RR #37 ufficiale gommata Dunlop si ritrova seconda provvisoria. Xavi Forés (1’38″707) ha indovinato un gran bel giro, unico pilota sceso sotto l’1’39” anche a scapito dei compagni di equipaggio Markus Reiterberger (1’39″435) e Kenny Foray (1’39″593). Con ancora gomme (pardon, “stickers“) a disposizione, domani nelle seconde qualifiche si darà l’assalto alla pole. Un target nel mirino anche di Yoshimura SERT, terza dopo la dominante 24 ore di Le Mans, penalizzata in questa giornata da una caduta di Gregg Black nel proprio turno di qualifica.

PRIVATI AL TOP

Con F.C.C. TSR Honda che non performa (inaspettatamente 7°) e la Ducati Panigale V4 R del Team ERC decima, ci sono squadre private in evidenza. Questo il caso di VRD Igol Yamaha, quarta con Nico Terol, Florian Alt e Florian Marino a precedere Kawasaki SRC (5°) ed il Tati Team. Nella top-10 c’è spazio anche per Moto Ain Yamaha, ottava con Roberto Rolfo in equipaggio.

LOTTA NELLA SUPERSTOCK

Le buone notizie tricolori da Estoril si estendono anche alla classe Superstock. Kevin Manfredi, al rientro nell’Endurance ed alla prima uscita con la Yamaha #777, si ritrova in pole provvisoria con Wojcik Racing Team 2 in equipaggio con Christoffer Bergman e Marek Szkopek. Al secondo posto (12° assoluto) la Kawasaki Louit Moto con i nostri Christian Gamarino e Luca Vitali, giusto davanti a BMRT 3D Kawasaki ed i vincitori della 24 ore di Le Mans del Team National Motos Honda. Diciottesima provvisoria e settima di categoria la Suzuki #44 del No Limits Motor Team con Luca Scassa affiancato da Alexis Masbou e Kevin Calia, al quale è stato tolto per track limits il suo miglior crono.

Per completare il novero degli italiani, 22° (12° Stock) Christian Napoli con Energie Endurance 91 Kawasaki, 23° (13° Stock) il Team AvioBike di-e-con Giovanni Baggi affiancato da Andrea Boscoscuro e Francesco Cocco, 29° (16° Stock) Federico Napoli alla prima uscita con TRT27 Suzuki. Domani le seconde qualifiche ufficiali con la 12h Estoril che scatterà sabato alle 10:00 italiane.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Most

Da 8 a 6 ore: a Most gara Endurance “sprint” per il Gran Finale

Bol d'Or

Il Bol d’Or non perdona, la Yoshimura SERT Suzuki impera

Bol d'Or

Yoshimura SERT Suzuki in pole position al Bol d’Or 2021