Valentino Rossi e Marc Marquez

Valentino Rossi e Marc Marquez: prove libere di una nuova sintonia?

Valentino Rossi ha sbarrato la strada a Marc Marquez prima dell'incidente a Jerez. Il Dottore poi ammette: "Non volevo polemiche, gli auguro il meglio".

20 luglio 2020 - 15:59

Valentino Rossi sembra aver deposto l’ascia di guerra nei confronti di Marc Marquez. Forse un campione che si avvia verso l’addio alla MotoGP, dopo 25 stagioni nel paddock, dopo averne viste di cotte e di crude, il tempo fa il suo corso molto più velocemente. Dopo i fulmini e le saette del 2015, dopo la “cacciata” dai box a Rio Hondo nel 2018, il Dottore sembra vedere con un altro occhio l’avversario della Honda. Durante la ‘remuntada’ dal 16° posto nel GP di Jerez, Valentino Rossi ha aperto la strada al rivale HRC. “Márquez arrivava forte, ero molto lento ed in grandi difficoltà. Non volevo creare problemi, quindi è stato naturale per me. Non serviva a nulla tenerlo dietro“.

L’incidente del Cabroncito tiene banco all’interno del paddock di Jerez anche all’indomani della gara. Tutti vogliono capire se ci sarà a Brno, anche se la sua corsa al titolo mondiale sembra già compromesso. “Se avesse fatto solo uno zero sarebbe stato diverso – ha sottolineato Valentino Rossi -. Ma c’è una grande differenza perché è rimasto ferito. Dovremo sapere per quanto tempo resterà fuori. È difficile prevedere, ma Quartararo, Vinales e anche Dovizioso hanno una grande opportunità. Io? Sicuramente, ci proveremo questa settimana“.

Per Marc Marquez doveva essere l’assalto al nono titolo mondiale in carriera. Avrebbe pareggiato i conti con i nove titoli di Valentino Rossi. Il decimo del Dottore sembra ormai un’utopia, con le gomme Michelin non c’è mai stata una vera intesa. Per il fenomeno di Cervera la corsa al Mondiale è per il momento sospesa, nella peggiori ipotesi rimandata. Al momento la nota lieta è questa apparente o reale nuova sintonia tra i due fuoriclasse: “Gli auguro tutto il meglio… ma per il campionato sarà dura“, ha concluso il campione di Tavullia nel post-gara. Il suo storico record reggerà probabilmente ancora un altro anno.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ruote da Sogno

36°AutoMoto d’Epoca: Ruote da Sogno, da non perdere la CBR RR del SIC

MotoGP, Tito Rabat

MotoGP, Tito Rabat: “Sul mio futuro non so nulla”

MotoGP, Marc Marquez in palestra

MotoGP, Marc Marquez e la leggenda metropolitana del terzo intervento