Motomondiale, 1.077 incidenti nel 2018. Marc Marquez re delle cadute

Motomondiale, 1.077 incidenti nel 2018. Marc Marquez re delle cadute

Marc Marquez ha collezionato 23 cadute nella stagione 2018. Nelle tre classi del Motomondiale si sono contati 1.077 incidenti, il maggior numero dei quali a Valencia.

di Luigi Ciamburro
Sam Lowes

Marc Marquez campione del mondo… e di cadute. La sua continua ricerca del limite, che gli vale l’appellativo di ‘Marc-attack’, e un avantreno che si rivela ancora l’anello debole della Honda, hanno portato a contare 23 cadute stagionali nel 2018, più di qualsiasi altro pilota della MotoGP. Senza contare i tanti salvataggi che lo hanno reso celebre per il suo stile di guida, al limite della fisica, frutto di un intenso allenamento in palestra e sullo sterrato. 23 cadute cui vanno ad addizionarsi le 83 rimediate dal 2013 al 2017 (27 nella scorsa stagione) per un totale di 106 (18 in gare, le restanti in prove libere, qualifiche e warm-up).

Secondo le statistiche di Motogp.com nella classifica delle cadute 2018 in classe regina si piazza Alvaro Bautista (Aspar Ducati) a quota 21, terzo gradino del podio per Xavier Simeon (Avintia Ducati) a 18. Danilo Petrucci (Pramac Ducati) e Maverick Vinales (Movistar Yamaha) hanno fatto registrare il minor numero di incidenti tra i piloti a tempo pieno, con solo quattro ciascuno. Andrea Dovizioso si ferma a 5, mentre Valentino Rossi a 8, Andrea Iannone e Franco Morbidelli a 11.

Nelle tre classi del Motomondiale si sono contate 1.077 incidenti, il primo in lista è Stefano Manzi con 31 cadute, seguito da Sam Lowes a 27 e Marco Bezzecchi a quota 24 insieme a Jorge Navarro, con Marc Marquez quinto nella classifica generale. A seguire Gabriel Rodrigo (22), Tatsuki Suzki e Alvaro Bautista (21), Alex Marquez (19), Iker Lecuona e Xavier Simeon (18) a chiudere la top-10. Il maggior numero di incidenti è stato registrato nel Gran Premio di Valencia, complice soprattutto la pioggia costante nei tre giorni, con 155 cadute, mentre il GP d’Argentina è stato il meno incidentato con 20 ko sull’asfalto. La curva più pericolosa è stata la 4 di Valencia (38 incidenti) seguita dalla curva 12 del medesimo circuito (31 cadute).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy