Supersport 300 Assen: Rivisto il regolamento del Mondiale

Supersport 300 Assen: Rivisto il regolamento del Mondiale

Dopo le lamentele di Yamaha per il dominio Kawasaki e KTM ad Aragon, la FIM è intervenuta per ristabilire l’equilibrio in Supersport 300. Ecco come.

di Alessandro Palma

Dopo il round del Motorland Aragon, il primo del Mondiale Supersport 300 2018, Yamaha si era lamentata apertamente per il grande gap prestazionale che c’era tra la R3 e la Honda CBR500R da una parte e le nuove Kawasaki Ninja 400 e KTM RC390R dall’altra. Il weekend in terra spagnola aveva infatti visto i piloti in sella alle due “nuove arrivate” occupare le prime posizioni in prova e in gara, lasciando ai piloti Yamaha e Honda solo le briciole.

Attraverso le parole di Andrea Dosoli (che potete leggere qui), Yamaha aveva manifestato la speranza che FIM intervenisse sul regolamento già per la gara di Assen. A quanto pare questo è accaduto: alla vigilia delle prime prove libere la Federazione Internazionale ha diffuso una nuova regolamentazione riguardo il limite giri motore e il peso minimo imposti per ciascuna delle moto iscritte al WorldSSP300. Ecco cosa cambia.

Moto Peso minimo precedente Nuovo peso minimo Limite rpm precedente Nuovo limite rpm
Honda CBR500R 156 kg 143 kg 9.500 rpm 11.200 rpm
Yamaha YZF-R3 140 kg 140 kg 12.850 rpm 13.100 rpm
Kawasaki Ninja 400 150 kg 150 kg 12.000 rpm 10.850 rpm
KTM RC390R 136 kg 136 kg 11.000 rpm 10.450 rpm

Con la premessa che potrebbero esserci ulteriori cambiamenti a weekend in corso, resta da capire se questa sia la soluzione giusta per ribilanciare le prestazioni di queste moto. Alla pista l’ardua sentenza…

Photo Credit: Luca Gorini

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy