12h Portimao Qualifiche 1: YART Yamaha in pole provvisoria

12h Portimao Qualifiche 1: YART Yamaha in pole provvisoria

Yamaha YART con Broc Parkes, Marvin Fritz e Ivan Silva si assicura la pole provvisoria della 12 Horas de Portimao del Mondiale Endurance, Miguel Oliveira in Ospedale ma OK.

Alla 24 ore di Le Mans lo scorso mese di aprile avevano vissuto un vero e proprio incubo. Ivan Silva, nelle prime fasi di gara, caduto con conseguente frattura alla clavicola sinistra, lasciando ai soli Max Neukirchner e Broc Parkes il compito di rimontare cinquantaquattresima all’undicesima posizione finale alternandosi in sella alla R1 #7 nelle restanti 22 ore di gara. Un’impresa in pieno spirito Endurance, una carica motivazionale in più per YART (acronimo di Yamaha Austria Racing Team) nel rifarsi questo fine settimana alla 12 Horas de Portimão, secondo appuntamento stagionale del FIM EWC che inizia nel miglior modo possibile per la compagine di Mandy Kainz. Senza poter disporre proprio di Max Neukirchner, fuori gioco per l’infortunio alla gamba destra rimediato in Test privati per l’IDM Superbike nelle scorse settimane, la squadra Campione del Mondo 2009 si è assicurata la pole provvisoria sui saliscendi dell’Autódromo Internacional do Algarve di Portimão in virtù di una prima sessione di qualifiche a dir poco esaltante. Nei tre distinti turni per ciascun pilota, grazie ai tempi di Broc Parkes (1’46″651, il più veloce del Gruppo Piloti “Blu”), del giovanissimo Marvin Fritz (1’46″755, leader del Gruppo “Giallo” da rookie e sostituto dell’infortunato Neukirchner) e del rientrante Ivan Silva (1’48″130) la squadra austriaca ha siglato la pole provvisoria grazie alla media sul giro di 1’47″178, sufficiente per regolare di una manciata di centesimi i vincitori di Le Mans del Team Kawasaki SRC (1’47″334 di media) e Yamaha GMT94 (1’47″671) con il nostro Niccolò Canepa in sella.

Favoriti dalle specifiche Pirelli da tempo (1-2 per l’azienda di Bicocca in queste prime qualifiche), la Yamaha YZF-R1 #7 comanda la graduatoria impreziosita dai migliori tempi nelle rispettive sessioni di Broc Parkes e di un Marvin Fritz, Campione IDM Supersport 2014 ed attuale protagonista dell’IDM Superbike, decisamente a suo agio con la R1 preparata secondo le specifiche EWC dopo aver fatto da riserva tra Bol d’Or e Le Mans. Domani YART Yamaha sarà chiamata alla riconferma a scapito di Kawasaki SRC, attualmente 2° in 1’47″334 frutto dei tempi di Gregory Leblanc (1’47″749), Matthieu Lagrive (1’47″496) e Fabien Foret (in 1’46″757 il più veloce del Gruppo “Rosso”), decisi ad ipotecare i giochi iridati sabato ritrovandosi a punteggio pieno al comando della classifica grazie ai 60 punti tondi tondi totalizzati a Le Mans. Chiaramente non sono della stessa idea in Yamaha GMT94, provvisoriamente 3° in griglia (1° gommati Dunlop) con la media sul giro in 1’47″671 frutto dell’omogeneo trio formato da David Checa (1’47″791), Lucas Mahias (1’47″315 da sostituto dell’appiedato Louis Rossi) e dal nostro Niccolò Canepa (1’47″907), reduce dal Test con la R1 ufficiale a Misano e dal podio nella Superstock 1000 FIM Cup a Donington Park con i colori Pata Yamaha.

Dopo il miglior tempo nelle prove libere figura 4° in graduatoria l’attesissima Fireblade #5 Bridgestone di F.C.C. TSR Honda con Kazuma Watanabe (1’47″619), Damian Cudlin (1’47″799) ed il vice-Campione del Mondo Supersport PJ Jacobsen (1’47″761) alla guida pronti a bissare il 3° posto di Le Mans, quinto crono per i Campioni del Mondo in carica di Suzuki S.E.R.T. mentre l’equipaggio #111 di Honda Racing è attualmente 9° preceduto anche dalla Suzuki Motors Events (8° oggi, 2° a Le Mans) e dalla Yamaha R1 del Team 3ART Yam’Avenue, in trionfo alla 24 Heures Moto. Detto di Niccolò Canepa, in Casa Italia il tricolore sui saliscendi di Portimão viene egregiamente difeso da Gianluca Vizziello, grande protagonista di Le Mans ed attualmente 12° in griglia con la Kawasaki #8 Bolliger condotta anche da Michael Savary e Roman Stamm mentre Emiliano Bellucci, rigorosamente al via con la Kawasaki #46 del Flembbo Leader Team, figura 23° in graduatoria.

Brutta caduta di Miguel Oliveira, al debutto nell'Endurance da idolo di casa.
Brutta caduta di Miguel Oliveira, al debutto nell’Endurance da idolo di casa.

Manca qualcuno all’appello tra i 30 equipaggi al via? Chiaramente il Parkalgar Racing Team con l’idolo di casa Miguel Oliveira, suo malgrado protagonista in negativo di giornata. Dopo strabilianti tempi nelle precedenti due giornate di test all’esordio con una Yamaha R1 1000cc e nella specialità, il vice-Campione del Mondo Moto3 in carica è stato autore di una spaventosa caduta questa mattina nel corso delle prove libere: trasportato precauzionalmente in Ospedale, il dolore alla mano destra e la botta subita lasciano “in forse” la sua partecipazione alla gara in programma sabato a partire dalle 10:30 italiane. ‘Miguelito‘ farà di tutto per esserci, onorare l’impegno davanti al pubblico amico e dare manforte ai suoi teammate Miguel Praia e Matthieu Lussiana, senza l’attuale alfiere Leopard Racing nel Mondiale Moto2 provvisoriamente qualificatisi con il sesto tempo. Domani nel corso delle Qualifiche 2 che inizieranno alle 10:00 locali (le 11:00 italiane) ne sapremo di più.

La 12 ore di Portimao del FIM EWC in DIRETTA TV su Eurosport 2

FIM Endurance World Championship 2016
12 Horas de Portimão
Classifica Qualifiche 1

01- YART Yamaha Official EWC Team – Yamaha YZF R1 – 1’47.178 (EWC)
02- Team Kawasaki SRC – Kawasaki ZX-10R – 1’47.334 (EWC)
03- GMT94 Yamaha – Yamaha YZF R1 – 1’47.671 (EWC)
04- F.C.C. TSR Honda – Honda CBR 1000RR SP – 1’47.726 (EWC)
05- Suzuki Endurance Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – 1’47.846 (EWC)
06- Parkalgar Racing Team – Yamaha YZF R1 – 1’48.096 (EWC)
07- Team 3ART Yam’Avenue – Yamaha YZF R1 – 1’48.409 (SST)
08- Team April Moto Motors Events – Suzuki GSX-R 1000 – 1’48.558 (EWC)
09- Honda Endurance Racing – Honda CBR 1000RR SP – 1’48.675 (EWC)
10- Maco Racing Team – Yamaha YZF R1 – 1’48.729 (EWC)
11- Team Louit Moto 33 Traquer – Kawasaki ZX-10R – 1’48.826 (SST)
12- Team Bolliger Switzerland – Kawasaki ZX-10R – 1’49.141 (EWC)
13- Lukoil BMW Motorrad CSEU – BMW S1000RR – 1’49.173 (EWC)
14- Junior Team LMS Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 1’49.175 (SST)
15- Yamaha Viltaïs Experience – Yamaha YZF R1 – 1’49.330 (SST)
16- Team R2CL – Suzuki GSX-R 1000 – 1’49.352 (EWC)
17- Volpker NRT48 by Schubert Motors – BMW S1000RR – 1’49.548 (SST)
18- Team 18 Sapeurs Pompiers – Kawasaki ZX-10R – 1’49.833 (SST)
19- Starteam PAM Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 1’50.023 (SST)
20- Tati Team Beaujolais Racing – Kawasaki ZX-10R – 1’50.175 (SST)
21- AM Moto Racing Competition – Kawasaki ZX-10R – 1’50.406 (SST)
22- Team LRP Poland – BMW S1000RR – 1’50.424 (EWC)
23- Flembbo Leader Team – Kawasaki ZX-10R – 1’51.235 (EWC)
24- Team Sport Moteur Actif – Suzuki GSX-R 1000 – 1’51.292 (SST)
25- Ecurie Chrono Sport – Kawasaki ZX-10R – 1’51.451 (SST)
26- GERT 56 HMT by rs speedbikes – BMW S1000RR – 1’51.808 (SST)
27- Zuff Racing Team – Honda CBR 1000RR SP – 1’51.922 (SST)
28- Slider Endurance – Yamaha YZF R1 – 1’52.174 (SST)
29- Tecmas Racing Team – BMW S1000RR – 1’52.410 (EWC)
30- Motos Actives Sport 14 – Kawasaki ZX-10R – 1’55.846 (SST)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy