dalla porta test jerez

Moto2-Moto3, Test Jerez: Primo giorno sul bagnato

Il meteo inclemente condiziona la prima giornata di test privati a Jerez. Vierge il migliore in Moto2, Migno 1° in Moto3. Tempi e cronaca.

20 novembre 2019 - 18:28

Non condizioni ottimali per dare il via al 2020, ma i piloti Moto2 e Moto3 (anche se non tutti i presenti) hanno comunque completato qualche giro a Jerez. Scattano così due giornate di test privati, le prime per iniziare a lavorare per la prossima stagione. Xavi Vierge (Petronas Sprinta Racing) è stato il migliore per la categoria intermedia, mentre è Andrea Migno (Sky Racing VR46) a chiudere davanti tra i piloti della categoria minore. Giovedì secondo ed ultimo giorno di prove, tempo permettendo.

Condizioni difficili in questa prima giornata di test a Jerez. La pioggia è caduta copiosa nella notte e la pista di mantiene umida a causa delle basse temperature. Tutto questo rallenta sensibilmente i lavori, oltre a provocare qualche caduta. Pawi (Petronas Sprinta Racing) è protagonista inizialmente di un incidente nel settore finale proprio per questo motivo. Per la categoria minore, registriamo anche la caduta dell’alfiere di Fausto Gresini, il rookie Jeremy Alcoba. Un totale di 13 piloti hanno guadagnato la pista in questa prima giornata, 7 Moto2 e 6 Moto3. Già arresi il team di Sito Pons e Marc VDS, che hanno fatto i bagagli già al mattino, viste le previsioni poco rassicuranti anche per la seconda giornata.

Non fortunato Bezzecchi, nuovo compagno di box di Marini: anche lui in mattinata è incappato in una caduta. La sua KALEX ha danneggiato un airfence, provocando una breve bandiera rossa. Per la categoria Moto2, a terra anche Simone Corsi e Jake Dixon. Non tutti i piloti in azione in questa prima giornata hanno il trasponder, per questo non compaiono in classifica. Un esempio è López (Max Racing Team), in pista con la sua nuova Husqvarna FR 250 GP: un primo esordio per il marchio, che nel 2020 torna a competere nel Mondiale Moto3. Tra gli altri, fermi ai box tutti i piloti Honda Team Asia e Red Bull KTM Ajo per le condizioni della pista.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Zarco: “Dopo l’addio di Lorenzo il vento è cambiato”

MotoGP, Fabio Quartararo e Maverick Vinales

MotoGP, Yamaha mea culpa: “Sull’elettronica abbiamo sbagliato”

tony arbolino mugello 2019

Tony Arbolino, la vittoria al Mugello diventa un tatuaggio