Red Bull Rookies Cup alla prova del Mugello

I giovani piloti della Red Bull Rookies Cup pronti per affrontare l'impegnativo tracciato del Mugello. Gara unica sabato, ecco presentazione e programma.

28 maggio 2019 - 10:37

Le colline dell’Autodromo del Mugello hanno regalato un appuntamento emozionante nel 2018 e sicuramente quest’anno non sarà diverso. Attenzione in particolare a Yuki Kunii, vincitore nella passata stagione davanti al poi campione Can Öncü, in una competizione particolarmente serrata. Una gara sola al Mugello, da svolgere sabato pomeriggio poco dopo le qualifiche del Motomondiale (la domenica sarebbe impossibile competere per la classica invasione di pista dei tifosi dopo la MotoGP).

Si arriva in Italia con due piloti al comando della classifica dopo il primo round del 2019. Carlos Tatay e Yuki Kunii si ritrovano appaiati grazie ad una vittoria e ad un secondo posto ottenuti a Jerez. Pronto alla rivincita Barry Baltus, grande protagonista in Spagna ma vittima anche di un incidente da brividi in Gara 2, dal quale è uscito illeso. Per le sue caratteristiche, il Mugello favorisce la formazione di grandi gruppi di piloti in lotta (favoriti dalle scie), tra i quali possiamo considerare anche alcuni piloti al debutto in Red Bull Rookies Cup.

Particolare attenzione in questo fine settimana per Matteo Bertelle, a podio in Gara 2 a Jerez e determinato a ripetersi davanti al pubblico di casa. Non dimentichiamo anche Lorenzo Fellon (che ha perso il podio a Jerez per una penalità) e David Salvador, altri due esordienti in luce in Spagna. Insomma, gli ingredienti ci sono per un’altra interessante battaglia: la gara unica sarà sabato alle 16:30, la diretta inizierà su redbull.tv e redbullrookiescup.com, 10 minuti prima del via.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

moto2 diggia bastianini

Moto2: Ben 11 rookies nel 2019, vediamo la loro stagione

Casey Stoner ex rivale di Valentino Rossi

Casey Stoner: “Rossi non è troppo vecchio, può puntare alla vittoria”

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Johann Zarco: “Ho firmato con Ducati, non con Avintia”