Franco Morbidelli e Fabio Quartararo

MotoGP, Quartararo e Morbidelli all’assalto del Mugello

Fabio Quartararo e Franco Morbidelli pronti a stupire ancora nel week-end del GP d'Italia. I due piloti Yamaha alla ricerca del primo podio stagionale.

28 maggio 2019 - 12:24

Cinque gare sono sufficienti per capire il potenziale in crescita di Fabio Quartararo e Franco Morbidelli. Il rookie francese della Petronas Yamaha SRT ha già conquistato una pole position a Jerez, il più veloce nel test ufficiale in Spagna, ha stabilito il giro più veloce in Qatar e a Le Mans. Solo la sfortuna ha voluto che il suo miglior risultato in gara sia il 7° posto ad Austin, dopo l’errore in griglia in Qatar e il guasto tecnico a Jerez. 12° in classifica piloti, ha un vantaggio di 16 punti sul diretto avversario Francesco Bagnaia per il titolo di ‘miglior esordiente’.

Nonostante una Yamaha M1 non ufficiale Fabio Quartararo riesce a mettere pressione nel box factory. Valentino e Maverick hanno guardato i suoi dati e contribuisce allo sviluppo della moto di Iwata. Al Mugello si attende un’altra prova esemplare sebbene non sia uno dei circuiti a lui più congeniali. “E‘ uno dei circuiti più difficili del calendario, ma sto ancora spingendo per una prestazione forte“, ha detto Quartararo, reduce dall’ottavo posto a Le Mans. “In Francia, ho avuto una grande battaglia e il giro più veloce dimostra il ritmo che possiamo avere. Per il Mugello voglio essere più in alto sull’ordine in griglia e iniziare meglio. Se posso farlo e mostrare lo stesso ritmo di gara che abbiamo avuto a Le Mans, dovrebbe essere una gara felice!“.

Franco Morbidelli arriva da una scia di tre gare alla ribalta, con un ottimo 5° posto ad Austin e due 7° posto a Jerez e Le Mans. Per il pilota della VR46 Academy arriva il week-end di casa. “Questa è sempre una gara con molte emozioni per me, sento anche una certa pressione, perché qui non ho avuto grandi risultati. Quindi spero di essere più veloce rispetto allo scorso anno (15° con Honda, ndr) e che i miei risultati siano migliori che mai. I risultati sono stati buoni finora quest’anno e ho molta fiducia nella squadra e nella moto, non vedo l’ora di incontrare tutti i tifosi e spero di fare una buona gara, è bello essere al Mugello!“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Zarco: “Dopo l’addio di Lorenzo il vento è cambiato”

MotoGP, Fabio Quartararo e Maverick Vinales

MotoGP, Yamaha mea culpa: “Sull’elettronica abbiamo sbagliato”

tony arbolino mugello 2019

Tony Arbolino, la vittoria al Mugello diventa un tatuaggio