Valentino Rossi

Valentino Rossi e il vecchio rebus della gomma posteriore

Valentino Rossi ad Aragon soffre mancanza di grip e usura al posteriore. Dopo sei giri la gomma ha iniziato a cedere, ma la causa è da cercare nel set-up.

23 settembre 2019 - 9:17

Dopo una scia di risultati discreti Valentino Rossi fa dietrofront ad Aragon con un ottavo posto a 23″ di ritardo. Il Dottore ha perso 1″ a giro rispetto al ritmo martellante di Marquez, un gap di 18″ dal compagno di team Vinales. Già da sabato le difficoltà sul tracciato spagnolo erano apparse evidenti, ma in gara la situazione è peggiorata. A complicarla la celta della gomma hard al posteriore, soluzione condivisa da tutti i piloti Yamaha. “Dopo cinque o sei giri, ho avuto un grosso calo nella gomma posteriore, quindi ho dovuto rallentare e il mio ritmo era pessimo“.

Su un circuito dove la potenza del motore ha la sua influenza, la mancanza di top speed si è fatta sentire con tutto il suo peso. “Sappiamo che è il nostro handicap e spingiamo molto con Yamaha per migliorare il prossimo anno. Non è facile perché il divario è abbastanza, ma penso che Yamaha sappia che devono lavorare sotto questo punto di vista“. Poi non c’è stato il solito ottimo lavoro di squadra all’interno del box. Stavolta la sua M1 non aveva un buon setting: “Nella seconda metà della stagione modifichiamo la moto e risulto più competitivo in generale, ma abbiamo sempre questo problema di grip posteriore e soffro più di Quartararo e Vinales“.

Al contrario di Maverick, Valentino Rossi ha adottato le novità sperimentate nel test di Misano, il forcellone in carbonio e il doppio scarico. Ma non possono aver inciso in negativo, in quanto “questa mancanza di grip la riscontravo anche in Austria e a Silverstone quando avevo le cose vecchie“. La classifica recita sesto posto con 10 punti di distacco da Maverick. Resta da sciogliere ancora una volta il rebus gomme. Venerdì con la hard il Dottore era più veloce, domenica senza nulla cambiare ha riscontrato problemi. Un vecchio rebus che resta ancora da sciogliere. Il suggerimento della hard da parte di Michelin ha poi tratto in inganno. “Ho una scarsa aderenza posteriore soprattutto sul bordo. Scorro molto e quando scivoli sul bordo danneggi di più la gomma. Quindi vai più lento e danneggi di più la gomma – ha spiegato Valentino Rossi –. Dobbiamo trovare una soluzione per migliorare“.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

lorenzo dalla porta

Moto3, Motegi: Prove 1, Lorenzo Dalla Porta 1° con caduta

Gigi Dall'Igna

MotoGP, Gigi Dall’Igna: “A Valencia una Ducati completamente nuova”

red bull rookies cup

Red Bull Rookies Cup, Luca Lunetta scelto per la stagione 2020