Valentino Rossi pilota Yamaha

MotoGP, Yamaha Petronas: “Nessun dialogo con Valentino Rossi”

Valentino Rossi e Yamaha Petronas non hanno ancora avviato nessun dialogo sul contratto per la prossima stagione in MotoGP.

14 maggio 2020 - 15:01

A che punto è la trattativa tra Valentino Rossi e Yamaha Petronas SRT? In alto mare. Johan Stigefelt, Team Director della squadra malese, ha smentito alcune voci diffuse dai giorni scorsi. La sua firma, come detto più volte, è probabile, quasi scontata. Ma restano da chiarire molti dettagli, soprattutto dal punto di vista commerciale. Il 41enne di Tavullia riveste un potere di marketing che nessun pilota della MotoGP detiene. Bisognerà quindi pianificare il contratto insieme allo staff VR46, con il main sponsor Petronas sicuramente allettato dall’idea. Forse i risultati non saranno quelli raccolti da Fabio Quartararo, ma fa parte del gioco per un team satellite. Inoltre c’è Franco Morbidelli in netta crescita e con cui si arriverà presto alla firma.

TRATTATIVA ANCORA IN ALTO MARE

Johan Stigefelt accarezza il sogno di poter avere Valentino Rossi nel team satellite. “Quando parliamo della storia di Valentino, è importante dire che stiamo parlando del pilota più importante nella storia della MotoGP e di uno degli atleti più famosi in tutte le discipline. Questo è molto, molto interessante per noi come squadra, naturalmente con i nostri partner“, ha detto a Speedweek.com. “Ma non abbiamo ancora avuto una conversazione personale con Vale. Ci siamo consultati con Yamaha, ma non ci siamo ancora veramente seduti per esaminare i dettagli dell’intero progetto di coinvolgimento di Vale. Quindi verrà fatto“.

Probabile che occorra incontrarsi di persona e la prima occasione potrebbe essere proprio Jerez, a luglio. Nella contrattazione verranno coinvolti anche i partner della scuderia malese. “Vorrei anche sottolineare che dobbiamo coinvolgere i nostri partner in questa discussione. Sono la chiave“, ha aggiunto Stigefelt. C’è ovviamente grande ottimismo in merito alla firma, ma nessuna discussione c’è stata tra le parti, né ci sarà a brevissimo termine. “E’ un po’ presto per pensare a Valentino Rossi. Per me è il pilota nella storia della MotoGP che ha avuto la maggiore influenza dentro e fuori la pista. Se riusciamo a trovare un accordo, come squadra faremo tutto il possibile per soddisfarlo e costruire attorno a lui una squadra forte con cui si sentirà a suo agio… È troppo presto per parlare del suo equipaggio tecnico. Questo è uno dei punti che discuteremo con lui. Ci arriveremo più tardi“.

4 commenti

spinarolidieg_14835262
14:02, 15 maggio 2020

Ragazzi, ha 41 anni, io non metto in dubbio che sia ancora valido, malgrado i risultati dicano altro, ma non ci può lasciar scappare un potenziale talento come Quartararo che può ambire a battere il bimbominchia.
Io tifo Vale ma bisogna capire che la yamaha è un azienda e il suo comportamento non è illogico ne irrispettoso, anzi, ha lasciato un posto per lui in petronas che l anno scorso ha fatto meglio dell ufficiale.
Quindi dai, lo han solo trasferito al piano terra per non fargli far più le scale nel condominio yamaha, mettiamola cosi.

marcogurrier_911
9:41, 14 maggio 2020

Possibile sia L unico che pensa che vr sia stato trattato “male” da Yamaha?
Credo che il periodo di isolamento com famiglia e fidanzata abbia portato lui quantomeno a rifletttere….almeno spero: io fossi in lui non accetterei ma prenderei strade più romantiche (Aprilia)

    Max75BA
    15:55, 14 maggio 2020

    …la Yamaha non ha sbagliato è Rossi ancora troppo indeciso…bellissima idea quella di concludere la carriera in Aprile ma poco praticabile in quanto probabilmente resterà legato alla Yamaha anche dopo la carriera da pilota…

      marcogurrier_911
      19:01, 14 maggio 2020

      Certo sono d accordo con Lei L Azienda si deve tutelare, detto questo a me sembra un po’ troppo poco la sostanza di Quartararo, manco avesse vinto tre titoli della compianta 250 (magari…), tale da mettere alla porta Valentino, boh (premetto, non sono tifoso “giallo” da tribuna)

POTRESTI ESSERTI PERSO:

KALEX Moto2

Moto2, la tecnica: il dominio del telaio KALEX

MotoGP, Davide Tardozzi

MotoGP, Tardozzi: “Jack Miller-Ducati, vicini ad una decisione”

Valentino Rossi a Misano

Valentino Rossi, Franco Morbidelli e la favola di Tavullia