MotoGP, box Suzuki

MotoGP, ultimi colpi di mercato: Suzuki guarda alla Superbike

Il paddock della MotoGP in fibrillazione per gli ultimi colpi di mercato: Suzuki corteggia Pepe Riba, Johan Stigefelt vicino alla VR46 in Moto2.

5 dicembre 2021 - 15:38

Se il mercato piloti MotoGP è definitivamente chiuso, non può dirsi altrettanto per le figure manageriali. Tutto ruota intorno alla carica di team manager che Suzuki sta cercando da tempo. La Casa di Hamamatsu ha provato a corteggiare Francesco Guidotti, ma il 49enne toscano ha preferito ritornare alla sua vecchia casa KTM, dove lavorerà a stretto contatto con i fratelli Pierer e nel box di Brad Binder e Miuel Oliveira. L’obiettivo è portare il costruttore austriaco alla conquista del suo primo titolo MotoGP nella storia.

Suzuki guarda alla Superbike

Nulla da fare per Suzuki con Davide Brivio, legato ancora da un anno di contratto con Alpine in Formula 1. E non è da escludere che possa rinnovare anche per gli anni a venire. Del resto l’addio del manager brianzolo è costato caro a Suzuki, in quanto ha perso l’opportunità di legarsi al team satellite VR46 di Valentino Rossi, storico amico del Dottore.

I rallentamenti nell’evoluzione della GSX-RR sono un segno evidente che qualcosa non ha funzionato nel reparto tecnico della Suzuki, quindi bisogna correre ai ripari e in tempi brevi. Secondo alcune indiscrezioni trapelate dal sito The-Race.com la formazione nipponica potrebbe a breve ufficializzare un nome altisonante come Pere Riba, capotecnico di Jonathan Rea. Lo spagnolo ha corso nel Motomondiale (MotoGP compresa) e in Superbike-Supersport, ritiratosi nel 2007 è diventato collaudatore Kawasaki, fino a diventare capotecnico dal 2010, lavorando con Joan Lascorz, Loris Baz e attualmente con Jonathan Rea.

Gli ultimi accordi

Sono giorni decisivi anche per il futuro di Johan Stigefelt, ex team manager Petronas SRT, scalzato dal nuovo organigramma disegnato da Razlan Razali. L’ex pilota svedese sembra sempre più vicino a ricoprire un ruolo attivo nel team VR46 in Moto2. Queste ore al Ranch di Tavullia potrebbero essere decisive per stabilire gli ultimi colloqui prima della decisione finale. Infine Pramac Racing seve trovare un sostituto all’altezza di Francesco Guidotti, impresa non facile. Il nome più accreditato al momento è quello di Fonsi Nieto. In questo vortice di dialoghi resta “in panchina” il nome di Livio Suppo.

Foto: Getty Images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP Joan Mir

MotoGP, Joan Mir vola a Sepang: tante novità e dubbi sugli avversari

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea prende slancio “La Kawasaki evoluta funziona”

Binder KTM MotoGP

MotoGP, Brad Binder: “Petrucci incredibile, che sfida alla Dakar”