MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, test Qatar: Yamaha registra il suo primo problema

Dalla classifica delle velocità di punta registrate nel primo giorno di Test in Qatar emerge un gap di oltre 10 km/h fra Ducati e Yamaha. Vinales & co, rischiano di trascinarsi questo vecchio problema anche nel 2021.

7 marzo 2021 - 14:47


Non è ancora tempo di primi bilanci per i team MotoGP che oggi chiudono la prima sessione di test a Losail. Ma i dati delle velocità massime raggiunte nella prima giornata mettono in evidenza una vecchia lacuna della Yamaha: la mancanza di velocità massima. Sul rettilineo di Doha che misura 1,06 km il prototipo più veloce risulta la Ducati Desmosedici di Jack Miller che ha lambito 350,6 km, registrata nel punto di misurazione situato alla fine del rettilineo. Ricordiamo che i motori restano congelati al 2020 (ad eccezione di KTM e Aprilia), ma si può lavorare sulle altre aree al fine di guadagnare qualcosa in termini di potenza.

Nella classifica delle velocità di punta del day-1 troviamo, alle spalle di Jack, altre quattro Ducati: Johann Zarco, Jorge Martín, Pecco Bagnaia ed Enea Bastianini, tutti con una velocità massima superiore ai 346 km/h. Luca Marini è il più lento su una Desmosedici (340,6 km / h). Come da tradizione anche il motore Honda scioglie alla perfezione i suoi cavalli in rettilineo: Stefan Bradl ha raggiunto i 343,9 km/h, Alex Márquez i 341,7 km/h. Per trovare una Yamaha in questa speciale classifica dobbiamo scorrere fino al 15° posto, con Fabio Quartararo che tocca i 338,5. Oltre 10 km/h di gap rispetto alla GP21 di Jack Miller!

Yamaha in cerca di potenza

A quanto pare la casa di Iwata potrebbe trascinarsi il problema della top speed anche nella prossima stagione MotoGP. Non certo una bella notizia per Valentino Rossi, Maverick Vinales, Fabio Quartararo e Franco Morbidelli. La speranza è che i tecnici giapponesi abbiano almeno trovato una soluzione alla mancanza di grip al posteriore, così da poter guadagnare in curva ciò che si perde sui rettilinei. Al momento la Yamaha M1 non presenta notevoli cambiamenti nella sua aerodinamica. Morbidelli, che guida una M1 Spec-A, ha raggiunto i 337,5 km/h, idem Maverick Viñales. La moto di Valentino Rossi è stata la più lenta del gruppo Yamaha con 336,4 km/h.

Ha fatto anche peggio Aleix Espargarò, 22° in questa speciale classifica lambendo i 335,4 km/h registrati con la sua Aprilia RS-GP 21. Nonostante il forte gap dalle Ducati il pilota catalano ha però registrato il best lap nel primo giorno di test MotoGP a Losail. A dimostrazione che la potenza non è tutto…

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

mafe_7_15173863
18:25, 7 marzo 2021

non capisco cosa sta succedendo…. dopo 2 anni ……

Makiland
17:15, 7 marzo 2021

Ci ri_risiamo ?
Ma che cosa fanno in Giappone? Suonano i diapason e NON sanno più fare un motore da 350 Kmh ?
Date dei CAVALLI ai vostri piloti o vi pagano per perdere ? Comincio a scocciarmi di questa menata cari, Giapu …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

danilo petrucci motogp

MotoGP, Petrucci: ultimo GP in casa e le ipotesi Dakar-MotoAmerica

motogp luca marini

MotoGP, Luca Marini: “Proverò a stare coi primi, posso imparare molto”

bagnaia motogp

MotoGP, Bagnaia: “Quartararo indietro? Devo spingere come se fosse 2°”