espargaro aprilia motogp

MotoGP Test Qatar, day-1: Espargaró-Aprilia al comando, tutti i tempi

Primo giorno di test MotoGP con Aleix Espargaró ed Aprilia in testa alla classifica, seguono Bradl ed il campione Mir. Tempi e cronaca.

6 marzo 2021 - 19:04


Si è chiusa la prima giornata di test ufficiali a Losail. Se guardiamo i riferimenti cronometrici, brilla Aleix Espargaró con la sua RS-GP, a precedere la RCV di Stefan Bradl ed il campione MotoGP in carica Joan Mir. Gli unici a scendere sotto il muro di 1:55, anzi Espargaró superando il record in gara di Jorge Lorenzo (1:54.927). La giornata era iniziata con forte vento e pista molto sporca a causa della sabbia. Nel corso della giornata però le condizioni sono migliorate, soprattutto quand’è cessato il vento. Vediamo com’è andata.

Per quanto riguarda appunto il team del capoclassifica, in Aprilia il pilota catalano ed il rookie Lorenzo Savadori si sono concentrati molto sul pacchetto aerodinamico, oltre che sul motore. In casa Honda, come promesso Takaaki Nakagami ha la moto aggiornata, ovvero la RC213V 2020 come tutti i suoi colleghi. Il nuovo compagno di box Alex Márquez si è reso protagonista di un incidente senza conseguenze. Pol Espargaró ha testato due scarichi differenti, mentre Stefan Bradl aveva tre moto a disposizione, una con un chassis nuovo.

In casa KTM le maggiori novità si sono viste sulle moto del tester Dani Pedrosa, che chiaramente porta avanti l’evoluzione della RC16. Su scarico e telaio per esempio, ma non solo. Test su un differente forcellone (in carbonio ed in alluminio) per i ragazzi Yamaha, alle prese con il primo vero test dell’anno. Per quanto riguarda Ducati, Bastianini e Marini come ieri girano con la Desmosedici 2019, Pramac e Ducati factory hanno lo stesso materiale. Il tester Michele Pirro chiaramente ha le maggiori novità, di natura aerodinamica (qui il focus).

La classifica finale

I tempi dei vari settori

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner detta la linea: cosa manca a Ducati per vincere

“Valentino Rossi meno gestibile di Fabio Quartararo”: la stoccata di Jarvis

MotoGP, Jack Miller e Jorge Martin

MotoGP, Jack Miller in bilico: “Ora capisco Dovizioso e Petrucci”