MotoGP, Mike Leitner

MotoGP, scambio Leitner-Guidotti: “Decisione prima del previsto”

Nella stagione MotoGP 2022 Francesco Guidotti sarà il nuovo team manager KTM. Mike Leitner ricoprirà la carica di consulente e non nasconde una certa amarezza.

7 dicembre 2021 - 15:31

Negli ultimi cinque anni KTM si è rafforzata con molti tecnici esperti di MotoGP provenienti da ogni angolo d’Europa. E continua a crescere l’asse Italia con gli ex dipendenti di Ducati e Aprilia. Dopo Marco Bertolatti da Aprilia e Fabiano Sterlacchini da Ducati, è il turno di Francesco Guidotti, che entrerà a regime dal 1° gennaio. Ricoprirà le mansioni di Mike Leitner, sotto contratto con la casa austriaca fino alla fine del 2022.

Il tecnico austriaco ha iniziato a lavorare sul progetto MotoGP sette anni, con il debutto ufficiale della RC16 nella gara di Valencia del 2016 con Mika Kallio nel ruolo di wildcard. Nel 2017 ha partecipato al primo Mondiale in Top Class con Pol Espargarò e Bradley Smith occupando le ultime posizioni. L’arrivo di Dani Pedrosa nel 2018, fortemente voluto da Mike Leitner, ha permesso di compiere un passo in avanti nell’evoluzione del prototipo arancione.

Il nuovo ruolo di Leitner

Mike Leitner si aspettava un suo cambiamento di ruolo, ma si percepisce un fondo di amarezza. “Devo ammettere che è avvenuto più velocemente del previsto“, confessa a Speedweek.com. “Da tempo si parlava che non potevo più dare il massimo nel ruolo di team manager ed ero d’accordo“. Ma la decisione definitiva è stata presa solo dopo l’ultimo test MotoGP a Jerez. “C’erano diversi candidati per il lavoro di team manager. Francesco Guidotti era uno di loro. Ne ho parlato io stesso con lui al GP di Valencia e ai test di Jerez a novembre“.

Ma ricorda i meriti personali: “Il progetto KTM sta crescendo, sta diventando sempre più grande. Bisogna migliorare, ecco perché i processi e le strutture vengono ottimizzati… Ho portato da 40 a 50 tecnici in KTM nel corso degli anni… All’inizio del nostro progetto non c’era nemmeno una cassetta degli attrezzi. Ora c’è un team esperto di MotoGP e un reparto corse con circa 150 dipendenti“.

Dal prossimo anno non sarà più una presenza fissa nel box KTM. “Definiremo il mio nuovo ruolo più in dettaglioVerrò sicuramente a qualche Gran Premio, dove terrò gli occhi aperti e raccoglierò le mie impressioni. Guarderò il tutto da un punto di vista diverso. Se vedo qualcosa che penso possa essere migliorato, condividerò le mie idee con Pit Beirer. Ora mi sto godendo l’inverno per una volta. Ieri stavo sciando a Gosau“.

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP Joan Mir

MotoGP, Joan Mir vola a Sepang: tante novità e dubbi sugli avversari

Binder KTM MotoGP

MotoGP, Brad Binder: “Petrucci incredibile, che sfida alla Dakar”

MotoGP, Michele Pirro: “Sepang è un banco di prova importante”