Maverick Vinales pilota Yamaha

MotoGP, Sanchez: “Viñales lascia se Yamaha non ha criterio”

Paco Sanchez, manager di Maverick Viñales, assicura che Yamaha resta la priorità per il pilota spagnolo. Ma solo se il team "avrà criterio".

8 novembre 2019 - 12:13

Maverick Viñales è l’uomo mercato per il 2021. Sia che lasci Yamaha o rimanga, i riflettori del futuro sono puntati sul pilota di Figueres. Ducati lo corteggia da tempo, ma il ritrovato feeling con la M1 potrebbe distogliere i pensieri di divorzio. Tutto sembra legato alla decisione di Valentino Rossi, che pare abbia via preferenziale per i vertici di Iwata. Una leggenda che forse ha poche residue possibilità di lottare per il Mondiale, ma a livello di marketing non ha eguali. E nel mondo dei motori fatturati e vendite hanno più importanza dei titoli iridati.

Ducati sa che una riconferma del Dottore potrebbe creare malumori in Yamaha e uno fra Viñales e Quartararo sarebbe di troppo. Paco Sanchez, manager dello spagnolo, misura le parole dopo la gara di Sepang, lasciando ben intendere qualche retroscena. “La vittoria di Maverick a Sepang – ha detto al quotidiano ‘AS’ – e le ultime gare che ha fatto non sbloccano ancora il mercato dei trasferimenti… Qualunque cosa tu faccia e qualunque cosa faccia Quartararo, ci importa poco, perché Maverick seguirà il suo percorso e siamo sicuri che gli daremo una moto super competitiva. Il suo futuro può essere Ducati, può essere Honda, può tornare facilmente a Suzuki, potrebbe essere Yamaha, se in Yamaha hanno criterio. Se Yamaha non ha criterio, sarà un problema per loro, non per noi“.

Non solo un posto assicurato e un ingaggio superiore. Maverick Viñales chiede di dettare lo sviluppo della M1. Si accinge a chiudere la stagione MotoGP 2019 come miglior pilota Yamaha, ha conquistato due vittorie, quindi alza l’asticella delle pretese. A corteggiarlo sono in tanti, ha poco da perdere. “Parlo da molto tempo con tutti – ha aggiunto Paco Sanchez -. Ci sono conversazioni, non ci sono ancora negoziati. Quest’anno il mercato è un po’ più lento rispetto agli altri anni“. Ufficialmente la priorità del pilota resta Yamaha: “Non ha mai pensato di lasciare la Yamaha. Sicuramente è Yamaha che fa pensare di guardare ad altri piloti… Il mio compito è trovare le migliori opzioni per lui, metterle tutte sul tavolo e spero che una di quelle opzioni sia Yamaha. Poi sceglierà quella che gli piace di più“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Silvano Galbusera capotecnico di Valentino Rossi

Galbusera-Valentino, ultimo week-end insieme: “Non potevo chiedere di più”

aegerter intact gp motoe

Dalla Moto2 alla MotoE, nuova sfida per Aegerter con Intact GP

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “Con Munoz per cambiare metodo di lavoro”