MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Portimao è il jolly di Marc Marquez: 12 GP per la rimonta

Il calendario MotoGP 2020 vede aggiungersi il GP di Portimao come ultima tappa stagionale. Marc Marquez ha una chance in più per mettere a segno la rimonta.

31 luglio 2020 - 14:39

Dorna ha annunciato che aggiungerà al calendario MotoGP 2020 un’ulteriore tappa europea, dopo la cancellazione dei GP di Argentina, Thailandia e Malesia. Un piccolo colpo di scena che porta a 15 i round di questo Motomondiale, conteggiando anche la gara di Losail dove hanno partecipato solo Moto2 e Moto3. Non è un mistero che sarà Portimao la sede che verrà annunciata entro il 10 agosto dagli organizzatori. Un bel colpo di fortuna per Marc Marquez ancora a secco di punti dopo l’incidente di Jerez.

Portimao ultima tappa

Il circuito di Algarve preme da tempo per entrare nel calendario della MotoGP e il presidente FIM Jorge Viegas dal 2018 l’aveva indicato come scenario di riserva qualora un Gran Premio fallisse. Carmelo Ezpeleta diversi mesi fa aveva proposto una rotazione fra i tracciati spagnoli e quello portoghese per il prossimo calendario. Adesso il Portogallo s’inserisce in scivolata in un campionato contrassegnato dall’emergenza Coronavirus ed ospiterà anche Superbike e Formula 1 nel 2020.

Del resto Portimao è l’unica scelta plausibile a fine novembre, dal momento che qui si può contare su condizioni climatiche ancora piuttosto miti in questo periodo dell’anno. Impossibile immaginare la MotoGP trasferirsi nel Centro o Nord Europa (es. Assen, Silverstone o Sachsenring) ad un mese dal principio dell’inverno. Non cambia il numero dei motori a disposizione dei team: 5 per Honda, Yamaha, Ducati e Suzuki, 7 per KTM e Aprilia.

Un aiuto per il Cabroncito

L’aggiunta di un Gran Premio al calendario 2020 di MotoGP gioca a favore di Marc Marquez. Il campione della Repsol Honda non ha incassato punti nel doppio round di Jerez e la rimonta dovrà cominciare da Brno. A questo punto non avrà più 11 GP per recuperare, bensì 12, rendendo l’impresa maggiormente plausibile. Ovviamente tutto dipenderà dalle condizioni del braccio destro nel week-end in Repubblica Ceca. Non sarà al 100% del suo potenziale fisico. A questo punto bisognerà capire fino a che punto potrà spingere il fuoriclasse della MotoGP. E se Ducati e Yamaha sapranno approfittare delle sue condizioni ancora precarie. Di certo, il GP del Portogallo darà manforte alle speranze del suo nono titolo mondiale.

Il nuovo calendario 2020

08 marzo: Losail (senza MotoGP)
19 luglio: Jerez (GP di Spagna)
26 luglio: Jerez (GP di Andalusia)
09 agosto: Brno (GP della Repubblica Ceca)
16 agosto: Spielberg (GP d’Austria )
23 agosto: Spielberg (GP della Stiria)
13 settembre: Misano ( GP di San Marino e Della Riviera di Rimini)
20 settembre: Misano (GP di Emilia Romagna e Della Riviera)
27 settembre: Barcellona-Catalunya (GP di Catalunya)
11 ottobre: ​​Le Mans (GP di Francia)
18 ottobre: ​​Aragon (GP di Aragona)
25 ottobre: ​​Aragon (GP di Teruel)
08 novembre: Valencia (GP d’Europa)
15 novembre: Valencia (GP Comunitat Valenciana )
22 novembre: Portimao (GP Portogallo)

1 commento

fabu
14:33, 31 luglio 2020

mi sa invece che c’è il rischio che annullino qualcuna tra quelle già programmate.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

smith aprilia motogp

MotoGP, Bradley Smith: “Alla Aprilia RS-GP 2020 manca tempo in pista”

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso senza alibi: “A Brno grandi aspettative”

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP: tanti colpevoli nell’affare Marc Marquez