petrucci motogp

MotoGP: Petrucci-Espargaró, botta e risposta a distanza

Petrucci ed Espargaró non si sono risparmiati frecciatine a posteriori. Petrux: "Io non parlo via Twitter." Aleix: "Doveva giustificare il suo risultato."

15 agosto 2020 - 21:37

Non si è del tutto conclusa la querelle che ha visto protagonisti Danilo Petrucci ed Aleix Espargaró in Q1. I due piloti MotoGP non se le sono mandate a dire in pista, ma sono poi arrivate frecciatine anche via twitter ed a voce. Chissà se la Direzione Gara prenderà provvedimenti, ma non sono mancate scintille. A fine turno abbiamo visto il pilota Ducati piuttosto infastidito, tra il dito medio e l’applauso sarcastico rivolti al collega. Per lo spagnolo invece è il ternano ad aver esagerato.

“Forse andrò a parlare in Direzione Gara” ha dichiarato in seguito Danilo Petrucci. “Ci chiameranno, ma non so cosa loro abbiano da dirmi. Il dito medio in pit lane? Di sicuro ho esagerato… Ma stiamo sempre cercando di fare del nostro meglio.” Poi però non risparmia un commento sull’atteggiamento del pilota spagnolo. “Mi ha fatto ridere perché lui scrive sempre su Twitter: ‘Preferisco parlare direttamente alle persone, faccia a faccia, e rispondere in pista’. Invece è sempre lo stesso. Io invece preferisco parlare apertamente.”

Parla poi anche Aleix Espargaró. “Ho visto del margine tra lui e Valentino [Rossi] e mi sono infilato tra di loro. Forse l’ho disturbato un po’, ma queste sono le qualifiche. Lui però ha fatto tutto lo spettacolo.” Sulla scia di quanto scritto su Twitter, rincara la dose: “In tutto ciò, ha realizzato il suo miglior parziale nel quarto settore proprio in quel giro. Ha cercato di giustificare che era solo 13° con la moto che ha vinto negli ultimi 4 anni. Spero venga punito per il suo gesto.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

mandalika sag team moto2

Moto2: Ecco il Pertamina Mandalika SAG Team, Lüthi primo pilota

Beirer Petrucci KTM MotoGP 2021

MotoGP, Danilo Petrucci: “KTM può essere la mia ultima chance”

MotoGP, la storia: Kreidler e la 50cc, una categoria dimenticata (parte 1)