MotoGP, Pecco Bagnaia

MotoGP, Ducati: bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?

Ducati chiude il doppio week-end MotoGP di Doha con due moto sul podio, ma manca la vittoria. Errori e problemi di usura gomme giocano a favore della Yamaha.

5 aprile 2021 - 20:28

Nel secondo GP della stagione MotoGP 2021 Pecco Bagnaia non riesce a fare bottino pieno. Dopo il podio della settimana prima, il piemontese della Ducati commette un errore alla partenza e uno nelle fasi finali, relegandolo al 6° posto finale. Ma si è reso autore di una grande rimonta dalle retrovie, ha dimostrato di essere pieno padrone della Desmosedici, di non essere secondo al più accreditato Jack Miller. Quarto in classifica piloti a quota 26 punti, fra meno di due settimane si riparte da Portimao.

Non è andata certamente meglio a Jack Miller, nona piazza finale, dopo aver perso qualche posizione in un battibecco con Joan. Il team Ducati factory vede sul podio le GP21 del team satellite, ma non le sue. E, su un circuito in cui poteva farla da padrona, non ottiene una vittoria. Al momento le scelte prese da Gigi Dall’Igna e dai vertici di Borgo Panigale sembrano premiare. Ma c’è anche chi guarda al bicchiere mezzo vuoto. Già dopo la prima gara MotoGP il mancato trionfo ha lasciato un po’ di delusione. “Due Ducati sul podio, ma ci aspettavamo qualcosa di diverso – ha ammesso Davide Tardozzi -. A fine gara eravamo in difficoltà e dobbiamo capire come possiamo migliorare per consentire ai nostri piloti di lottare fino all’ultima curva“.

Una gara in rimonta

Scattato dalla seconda fila, Pecco Bagnaia aveva in mente tutta un’altra gara. “Non è partita come mi aspettavo, ho avuto un problema allo start device anteriore e mi sono trovato 11° alla partenza. Alla fine il lungo mi è costato molto, giravo 6-7 decimi più veloci dei piloti più avanti. Speravo di farcela oggi, questo grande feeling mi ha purtroppo portato a fare un errore (in curva 1, ndr). Il tunnel d’aria della Ducati davanti mi ha fregato, dovevo aspettarmela. Dalle immagini pare che io lasci il freno, invece stavo frenando, mi è costato almeno il podio, anche se secondo me sarei riuscito i due piloti Pramac. Accuso il colpo e cercherò di imparare dagli errori“.

Dopo sette giri Pecco era 5° in classifica, al decimo era 4°. Con la sua MotoGP pennellava le curve senza stress per le gomme, poi la troppa confidenza con la GP21 lo ha spinto ad un errore. “Purtroppo ho commesso un errore alla curva 1, devo imparare di più con questo pneumatico. Un simile errore è inaccettabile in un team ufficiale. Ma non ho avuto problemi con i ragazzi di Pramac. Oggi sono stato molto veloce, ma il risultato non è in quella linea. Senza questo errore avrei potuto correre per le prime posizioni“.

Pecco Bagnaia aveva persino raggiunto la zona podio dal 13° al 16° giro, ha rifilato il giro più veloce, poi il lungo difficile da digerire. “Questo errore mi è sicuramente costato il podio. Il mio ritmo era buono per la vittoria. Questo mi fa arrabbiare. Perdere punti come questi lascia l’amaro in bocca. Devo imparare e riprovarci a Portimao“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

3 commenti

Max75BA
17:39, 6 aprile 2021

…siamo appena a 2 gp, la Ducati può essere moderatamente soddisfatta, non deve assolutamente perdere fiducia nei suoi piloti…Miller è la delusione di questo scorcio di campionato…

walterguzzi
8:04, 6 aprile 2021

ho vinci o non vinci i bicchieri usateli x bere non per giustificare chi perde e invece con i mezzi a disposizione dovrebbe stravincere.

    Makiland
    11:34, 6 aprile 2021

    Ducati come al solito stupisce tutti con tecnologia, prestazioni … qualifiche … e poi … raccoglie poco, troppo poco per vincere, almeno per ora e qui, dove si sono corse gare notturne e con pista molto sporca …
    Il vero Mondiale inizia adesso, vedremo …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Sandro Garbo celebra Rossi in fumetto “Il mio Vale regala sorrisi”

brad binder motogp

MotoGP, Brad Binder miglior KTM: “Quasi con il gruppo del podio”

canet moto2

Moto2: Aron Canet, l’emozione del primo podio in classe intermedia