MotoGP, Pecco Bagnaia ad Aragon

MotoGP, Pecco Bagnaia non si ferma: “Voglio vincere a Misano”

Pecco Bagnaia proverà a dare l'assalto al titolo MotoGP dopo la vittoria ad Aragon. E racconta un retroscena: "Valentino Rossi all'inizio mi ha reso più nervoso".

13 settembre 2021 - 12:03

La prima vittoria in MotoGP non si scorda mai, e come potrebbe dimenticarla Pecco Bagnaia. Nel GP di Aragon ha dato vita allo spettacolo più emozionante di questa stagione 2021, contro Marc Marquez che giocava in casa e con il layout a suo favore. Il Cabroncito ci ha provato sette volte negli ultimi tre giri, altrettante ha dovuto rinunciare. Fino a quando alla curva 12 l’otto volte iridato è andato largo toccando il green e rassegnandosi al secondo posto. Dopo tanti tentativi andati a vuoto il pilota della VR46 Academy ha centrato questo prestigioso traguardo e tira un sospiro di sollievo.

Una vittoria di carattere

Tabù sfatato e ora bisogna guardare avanti. 53 lunghezze di distanza dal leader Fabio Quartararo e cinque Gran Premi al termine. “È la mia vittoria più bella – ha ammesso il pilota della Ducati -. Da bambino guardavo in tv la MotoGP con le battaglie di Rossi contro Pedrosa, Lorenzo e Stoner, poi sono arrivato nel Mondiale e c’erano Vale, Jorge e Marc. Oggi ho battuto uno tra i piloti che hanno più titoli nella storia e che, anche se non al 100%, qui va sempre fortissimo“. Pecco Bagnaia non è abituato a vincere dopo un serrato corpo a corpo. Era successo in Austria contro Miguel Oliveira ai tempi della middle class. Il suo carattere è venuto finalmente fuori: “Avevo addosso la voglia e la rabbia di vincere. Così ero pronto per quel finale, farlo passare per una curva avrebbe complicato tutto, ma ogni volta che ci ha provato, io sfruttavo meglio l’accelerazione“.

Pecco prova l’assalto iridato

Un trionfo liberatorio dopo le tante sventure rimediate da inizio campionato. Pole gettata alle ortiche a Portimao a causa delle bandiere gialle. Caduta al Mugello. Gomma “anomala” a Silverstone. Finalmente ad Aragon tutto è andato per il verso giusto sin dal venerdì, senza bisogno di scervellarsi per trovare il miglior setting per la sua Desmosedici GP21. Come uno squalo alla vista del sangue, Pecco Bagnaia ha ancora fame di podio. “Cercherò di vincere nel prossimo round, a Misano, su un circuito che apprezzo. Ma quello che è certo è che dopo due stagioni in MotoGP, il fatto di aver conquistato una prima vittoria per il team ufficiale in questo modo, è per me una grande emozione“.

La gioia della VR46 Academy

Grande entusiasmo anche nell’ambiente VR46. Dopo il traguardo Valentino Rossi si è precipitato a congratularsi con l’allievo. Nei giorni scorsi ha spinto tanto sul morale, il primo successo in MotoGP era nell’aria da troppo tempo e andava solo centrato. L’unico grande ostacolo era rappresentato da Marc Marquez, il più veloce sia nelle FP1 che nelle FP4. Poi la scelta delle gomme, ripetuta dal Dottore come un mantra dall’inizio del week-end: hard all’anteriore e soft al posteriore. “Devo dire che all’inizio mi ha reso ancora più nervoso! Ma poi sono stato piuttosto tranquillo nel pomeriggio e in serata – ha raccontato Pecco -, perché ero convinto che il mio passo fosse buono, che avessimo lavorato bene. Sapevo che Marc fosse il pilota con il miglior passo, ma sapevo anche che il nostro ritmo era abbastanza buono per restare con lui“.

GP San Marino e Riviera Rimini Biglietti qui

Foto: Getty Images

1 commento

FRA 1988
13:54, 13 settembre 2021

Bagnaia stava volando a Misano( 2020) ma cadde e non riuscì a concludere più nulla nella stagione. La chance deve sfruttarla in questa annata o oddio sogni di gloria.
Il 2° è un risultato onorevole ma per le ambizioni Ducati sarebbe comunque un fallimento. La moto è strepitosa e gli alti e bassi devono finire una volta per tutti.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

franco morbidelli motogp

MotoGP, Franco Morbidelli: “Sfida superata in maniera decente”

aleix espargaro misano motogp

MotoGP: comanda Aleix Espargaró nel day-2, Bagnaia top dei Test Misano

alex rins motogp

MotoGP, Alex Rins: “Sylvain Guintoli? Non so davvero come faccia”