Aleix Espargaro

MotoGP Motegi, Aleix Espargarò-Valentino Rossi testa a testa

Aleix Espargarò e Valentino Rossi firmano il medesimo crono in Q2 a Motegi. Il pilota spagnolo sottolinea la sua guida estrema in sella all'Aprilia RS-GP

19 ottobre 2019 - 10:31

Qualifiche difficili per il team Aprilia, con Andrea Iannone penultimo in griglia, ma con Aleix Espargarò 9°. Il pilota spagnolo ha segnato il medesimo crono di Valentino Rossi, ma partirà davanti per averlo siglato in precedenza. Il ritardo da Marc Marquez è  795 millesimi.

Aleix Espargarò ha conquistato l’accesso alla Q2 grazie alla prestazione sull’asciutto del venerdì, ma anche sul bagnato non può lamentarsi. “Ho scelto una gomma anteriore troppo morbida. È stata una questione di sicurezza, quindi ho deciso di non utilizzare la gomma anteriore media, a posteriori questo è stato un errore. Posso percorrere quella velocità per un giro, due o tre giri, ma non per la distanza di gara. Tutti sanno che non è facile portare l’Aprilia nella top 10 di questo circuito“.

Il Twing Ring di Motegi si contraddistingue per le brusche frenate e ripartenze che richiede una buona erogazione del gas e una trazione impeccabile, settori dove la RS-GP soffre ancora qualcosa rispetto agli avversari. “Sto guidando bene, non commetto errori. La Thailandia è stata una pista difficile per noi anche se ero veloce – ha proseguito Aleix Espargarò -. Faccio la differenza: guarda i due piloti Aprilia. Freno molto tardi, più tardi che mai nella mia vita. Inoltre, ho perso due chilogrammi dallo scorso anno. Questo mi aiuta nell’accelerazione. A 180 cm peso solo 65 kg, meno è quasi impossibileVenerdì pomeriggio abbiamo provato una nuova strategia elettronica, è promettente. La riproveremo  in Australia. Siamo attualmente molto lontani dai nostri concorrenti in questo settore, per cui siamo al lavoro per recuperare“.

LA CRONACA DELLE QUALIFICHE A MOTEGI

Marc Marquez non poteva chiudere una stagione 2019 brillante senza andarsi a prendere la sua prima pole a Motegi. Sul circuito di casa Honda regala l’ennesima soddisfazione al team HRC fermando le lancette in 1’45″763. Grandissima prestazione di Franco Morbidelli che all’ultimo tentativo va a piazzarsi in seconda posizione a soli 132 millesimi dal campione in carica. Fabio Quartararo soffia la prima fila a Maverick Vinales, quarto, con Cal Crutchlow e Miller in seconda fila.

Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci si accomodano in terza fila insieme all’Aprilia di Aleix Espargarò, mentre Valentino Rossi deve accontentarsi della decima posizione in griglia. Per il Dottore continuano i problemi con l’assetto della sua M1. Un duro colpo per chi cerca motivazioni per proseguire anche oltre il 2020.

MotoGP Motegi, risultati Q2

1. Márquez, 1:45,763
2. Morbidelli, + 0,132
3. Quartararo, + 0,181
4. Viñales, + 0,327
5. Crutchlow, + 0,426
6. Miller, + 0,574
7. Dovizioso, 0,647
8. Petrucci, + 0,664
9. Aleix Espargaró, + 0,795
10. Rossi, + 0,795
11. Rins, + 0,837
12. Mir, 0,853

MotoGP, la cronaca della Q2

08:45 – Morbidelli va a prendersi la prima fila ai danni di Quartararo, fuori dalla top-10 anche Dovizioso

08:44 – Inizia il botta e risposta tra il duo Yamaha: Vinales ruba la seconda posizione e si mette a 296 millesimi da Marquez. Rossi ancora fuori dalla top-10

08:43 – Quartararo va a prendersi la seconda piazza a 3 decimi dal campione della Repsol

08:42 – Marquez in testa migliora in 1’45″7, Miller insegue a mezzo secondo

08:41 – Si rientra subito in pista, 4 minuti alla fine!

08:40 – Piloti ai box per montare la seconda gomma. In difficoltà anche le Ducati con Dovi e Petrux rispettivamente al 5° e 8° posto provvisorio. Su un tracciato tradizionalmente favorevole alla Desmosedici quest’anno le Rosse non riescono a brillare

08:39 – Miller insegue il campione Honda con un gap di 4 decimi, seguono Morbidelli e Quartararo. Difficoltà per Valentino che paga oltre un secondo di gap da Marquez e rientra ai box con l’11esimo tempo

08:37 – Otto minuti alla bandiera a scacchi e Marquez firma un signor tempo difficile da superare: 1’45″9

08:35 – Il Cabroncito segna 1’46″9 e si piazza al comando. Seguono Miller e Quartararo

08:33 – Marc Marquez va alla ricerca della sua prima pole a Motegi. Piloti in pista per dare l’assalto alla pole position

08:31 – Continua a tenere banco il nuovo sistema di frenata a due dita di Valentino Rossi. Passo indietro per il direttore sulla base della M1, rinunciando al forcellone in carbonio e il doppio scarico.

08:28 – Ricordiamo che domani la MotoGP prenderà il via alle 02:40 con il warm-up, semaforo verde alle 08:00 (ora italiana)

08:26 – Temperature dell’aria in costante aumento: la colonnina di mercurio segna 22°C. Le nuvole incombono sul Twing Ring di Motegi, ma per domani si prevede giornata di sole

La cronaca della Q1 a Motegi

Cal Crutchlow e Alex Rins conquistano le due poltrone disponibili per la Q2. Peccato per Takaaki Nakagami che, nonostante le condizioni fisiche non particolarmente ottimali, stringe i denti per chiudere la stagione con la gara di casa. A Phillip Island verrà sostituito dal tanto discusso Johann Zarco.

Pecco Bagnaia partirà dalla 14esima piazza in griglia, mentre prosegue il momento sfavorevole di Jorge Lorenzo, 19esimo in griglia. Poteva essere il tracciato del riscatto per il maiorchino, ma a quanto pare questo periodo di crisi non avrà fine se non con il divorzio definitivo dalla Honda. Ma chi staccherà per primo la spina?

08:22 – Zampata finale di Alex Rins che va a piazzarsi alle spalle di Crutchlow e mette fuori dalla Q2 Nakagami. Il giapponese beffato per 34 millesimi

08:20 – Valzer tra i due piloti LCR: Crutchlow balza in avanti e distacca il collega giapponese di 173 millesimi

08:19 – Scende ancora Nakagami e firma 1’46″9. E pensare che il pilota giapponese dopo la gara di domenica dovrà subire un intervento alla spalla!

08:16 – Doppia gomma soft e via dai box. Pecco Bagnaia sembra non riuscire a instaurare un buon feeling con la Ducati GP18 in uesto sabato a Motegi.

08:14 – Sosta ai box per montare la seconda gomma e dare l’assalto al tempo finale per giocarsi un posto tra i primi 12. Le Honda del team LCR momentaneamente al comando, con Rins che insegue a 222 millesimi

08:13 – La pista migliora giro dopo giro e i tempi si abbassano celermente. Nakagami piazza un buon 1’47″8 seguito da Crutchlow in 1’48″0

08:12 – Crutchlow firma il miglior tempo provvisorio, ma viene subito superato dal collega Nakagami in 1’48″407

08:10 – Rins, Crutchlow e Pol Espargarò sembrano i favorito per l’accesso alla Q2, ma occhio a Pecco Bagnaia e Taka Nakagami

08:07 – Temperature dell’aria 18°C, inizia il giro di lancio della Q1

MotoGP, il riepilogo delle prove libere

L’accesso diretto alla Q2 del GP di Motegi viene deciso dalla classifica combinata delle prove libere del venerdì. Il sabato inizia all’insegna della pioggia e non consente ai piloti di poter migliorare i tempi. Massima prudenza in pista come dimostra la scelta della doppia gomma soft, per non compromettere una qualifica che potrebbe svolgersi sull’asciutto. Da segnalare il miglior crono di Danilo Petrucci, che si conferma mago della pioggia. Per nulla intenzionato a frenare Marc Marquez che, nonostante le condizioni estreme, va a prendersi il secondo tempo nella FP3.

Nella quarta sessione di libere i piloti MotoGP scelgono ancora le gomme rain, ma la pista va progressivamente asciugandosi. Marc Marquez va a siglare il best lap in 1’48″9 davanti a Maverick Vinales e Fabio Quartararo. 5° Valentino Rossi preceduto da Cal Crutchlow, Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci chiudono rispettivamente ottavo e undicesimo. Breve pausa e via con la prima manche delle qualifiche sul circuito di Motegi

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Alberto Puig team manager HRC

MotoGP, Alberto Puig: “I Marquez sono piloti, non vedo fratelli”

Alex Marquez

MotoGP, ufficiale: Alex Marquez firma con Repsol Honda

Danilo Petrucci MotoGP 2019

MotoGP, Danilo Petrucci esausto: “Non mi sono mai fermato”