MotoGP, Franco Morbidelli

MotoGP, Morbidelli affila le armi: “Se vince Quartararo non godo”

Franco Morbidelli si complimenta con Fabio Quartararo per il titolo MotoGP, ma ricorda: "Quando vince il tuo compagno di squadra non te la godi mai".

28 ottobre 2021 - 20:31

Franco Morbidelli ha chiuso il secondo round MotoGP di Misano al 16° posto. La pioggia del venerdì e del sabato gli ha permesso di non stressare il ginocchio operato prima della pausa estiva. Nelle qualifiche ha firmato la seconda fila, ha stretto i denti nei primi giri per mantenere la posizione, ma sull’asciutto e giro dopo giro ha dovuto mollare la presa. “L’infortunio è stato come un lockdown 2.0 ma spero di uscirne più forte“.

L’erede di Vinales

Questa stagione di MotoGP non è stata tutta da dimenticare per l’italo-brasiliano. 4° posto a Portimao, podio a Jerez, a Le Mans ha iniziato a soffrire con il ginocchio. Dopo il Sachsenring la decisione di operarsi, da casa assisteva al divorzio tra Yamaha e Maverick Vinales. Il pilota di Roses prima ha annunciato la rescissione del contratto a fine anno, poi la diatriba austriaca che ha portato al divorzio immediato. “Il mio obiettivo era a guidare la Yamaha ufficiale, perché è una delle principali case della MotoGP – spiega Franky a MotoG-Podcast su ‘La Gazzetta dello Sport’ -. Più vedevo spegnersi la storia tra Yamaha e Vinales, più vedevo la mia accendersi. Mi dispiaceva un po’ per l’immagine del nostro sport, ma sinceramente speravo che si aprisse una porta per me“.

La vittoria di Fabio

Tra Morbidelli e Yamaha factory il matrimonio era atteso da tempo, dopo la grande stagione 2020 che lo ha visto chiudere da vicecampione. “La natura della moto mi piace particolarmente, va forte solo se la guidi estremamente forte. Volevo gli stessi colori che ha indossato Valentino per tanti anni e finalmente quest’anno ho realizzato questo sogno“. Dopo Misano-2 si è complimentato con il compagno di box Fabio Quartararo. Che effetto fa vedere il proprio collega di squadra vincere il titolo MotoGP? “Se il tuo compagno di squadra vince il titolo non te la godi mai. Sono contento per lui e per il team, ma resto concentrato su me stesso sperando di dargli fastidio un giorno“.

Dal prossimo anno assisteremo ad una bella sfida tra i due astri nascenti. Per Valentino Rossi ci sarà un bel da fare per Lin Jarvis. “Conoscendo Fabio credo che riusciremo ad andare avanti nella maniera più serena possibile. Se saremo avversari diretti è ancora da vedere, non sto facendo ancora risultati al top – ammette Franco Morbidelli -. Non siamo i migliori amici ma neppure i peggiori nemici“. Per l’allievo della VR46 Academy non è stato un buon anno in termini di risultati, neanche prima dell’operazione. “Vale ha fatto fatica soprattutto all’inizio, ora si sta godendo queste ultime gare nel modo migliore e l’amore del pubblico. Sarebbe potuto essere più bella facendo entrambi dei bei risultati, ma non sempre le favole finiscono in maniera perfetta“.

Bagnaia e Marquez prossimi rivali

Il prossimo campionato MotoGP vedrà molti protagonisti per la corsa al Mondiale, compreso Pecco Bagnaia. Il piemontese ha riportato una caduta a cinque giri dalla fine servendo lo scettro iridato sul piatto d’argento. “Quando sei dietro 52 punti devi dare il tutto per tutto per vincere la gara e guadagnare più possibile sul rivale diretto. Ma a volte va così… Non ha nulla da rimpiangere, ha dimostrato di essere fortissimo e in lizza per il prossimo anno. La moto ha fatto vedere delle bellissime cose, vanno veramente forti“. Fra i candidati per il 2022 non potrà mancare Marc Marquez. “Non è il mattatore degli anni passati perché il livello della MotoGP è cresciuto, ma lo vediamo vincere in piste difficili come Austin e Misano, quindi è tornato“.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

Foto: Getty Images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dennis Foggia e Jorge Lorenzo

Valentino Rossi apre le porte del Ranch: sabato pomeriggio all’Americana

Andrea Iannone

Andrea Iannone sul filo della vita: futuro in TV o ritorno in pista

MotoGP, Shinichi Sahara

MotoGP, Suzuki cerca il team manager. Sahara: “Problema risolto”