MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Vinales rivela: “La caduta è stata brutta”

Maverick Vinales parla della caduta in motocross. In attesa della stagione 2020 si diverte con la MotoGP virtuale: "Un videogame molto difficile"

23 aprile 2020 - 14:18

A metà marzo Maverick Vinales ha rimediato un brutto infortunio mentre si allenava in motocross. Ha persino trascorso una notte in ospedale, prima di tornare a casa, dove è guarito dopo due settimane di riposo. La pausa coatta della MotoGP ha giocato a suo favore per certi versi. Ora che le condizioni fisiche sono ottimali non resta che attendere il semaforo verde. “Adesso mi sento molto meglio. In verità mi sono ripreso abbastanza rapidamente, quindi sono felice. Ma la caduta è stata brutta e sono stato costretto a fare una pausa di due settimane. Ho perso un po’ di forma fisica. Ma ora sto bene, e c’è ancora tempo per tornare in perfetta forma“.

Prima di agosto non si tornerà in pista, ma dal prossimo mese Maverick Vinales potrebbe tornare ad allenarsi in moto. Molto dipenderà dalla situazione sanitaria e dalle disposizioni del governo spagnolo. In Italia, ad esempio, sarà complicato lasciare la propria regione di residenza al termine del lockdown. Ma per motivi di lavoro e per gli sportivi sarà possibile fare eccezioni. Come molti dei suoi colleghi piloti della MotoGP, Vinales spera che finisce presto questo incubo. “È difficile perché non sono abituato a stare dentro casa così tanto, quindi è noioso per me. Ma sono abbastanza fortunato ad avere una moto qui e gioco anche un po’ con la PlayStation“.

Il pilota di Figueres ha partecipato ad entrambe le gare virtuali di MotoGP. Un modo per ingannare il tempo, intrattenere i fan e divertirsi con gli altri colelghi del paddock seppure a distanza. “Sono felice perché sono migliorato molto tra la prima e la seconda gara“, ha spiegato Vinales a Motorsport-Total.com. “Questo videogioco è davvero difficile. Mi sono allenato per diverse ore, ma è ancora difficile… È bello stare con gli altri piloti per un po’ e allo stesso tempo far sorridere alcuni fan“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Moto2, GP Qatar 2020

Moto2 e Moto3, chi sono i favoriti nel 2020?

MotoGP Aprilia brake cover

MotoGP, la tecnica: l’evoluzione dello stile di frenata (parte 1)

Espargaro KTM MotoGP

MotoGP, KTM riparte: test a Spielberg con Espargaró e Pedrosa