MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maio Meregalli: il vero problema di Maverick Vinales

Cosa non va fra Maverick Vinales e la Yamaha M1 che con Fabio Quartararo guida la MotoGP? Massimo Meregalli analizza il momento e lancia ipotesi

12 luglio 2021 - 8:24

Maverick Vinales non ha soddisfatto le aspettative della Yamaha in questa stagione MotoGP. E, viceversa, i tecnici di Iwata non hanno saputo garantirgli una YZR-M1 su misura. Vittoria nella gara di esordio a Losail, un podio nell’ultimo round ad Assen, poi una sfilza di risultati che lo hanno proiettato al sesto posto in classifica, con una distanza di 61 punti dalla leadership detenuta dal compagno di box Fabio Quartararo. Tra squadra e pilota i rapporti si chiuderanno al termine di questo Mondiale, con un anno di anticipo rispetto al contratto. Fermo restando che bisognerà onorare al meglio i prossimi appuntamenti.

Cosa non ha funzionato nel pilota di Roses? Il team manager Maio Meregalli ha spiegato il calo di prestazioni ai microfoni di MotoGP .com. “Maverick ha vinto la prima gara della stagione in modo fantastico. Ma quando siamo arrivati ​​in Europa, ha avuto problemi con la moto. In particolare l’ingresso in curva è stata il suo punto debole, particolarmente evidente a Portimao, Jerez e Le Mans. Non abbiamo mai avuto la possibilità di fornire a Maverick un pacchetto che lo aiutasse di più“. Nel settimo GP in Catalunya si è provata la soluzione. Sia dal punto di vista tecnico, con qualche modifica per migliorare la sterzata, ma “a scapito del grip della ruota posteriore”. Sia dal punto di vista umano, con l’arrivo di Silvano Galbusera al posto di Esteban Garcia. Una scelta mai approvata fino in fondo dall’alfiere spagnolo.

Cambiamenti che, secondo Maio Meregalli, dovrebbero apportare frutti nella seconda parte del campionato MotoGP. Anche se le strade sono destinate a dividersi dopo Valencia, con Vinales che ancora non ha preso una decisione sul suo futuro. “Abbiamo corso due gare con questa nuova organizzazione e abbiamo solo bisogno di un po’ più di tempo per tornare al top, ma non siamo lontani“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

franco morbidelli motogp

MotoGP, Franco Morbidelli: “Sfida superata in maniera decente”

aleix espargaro misano motogp

MotoGP: comanda Aleix Espargaró nel day-2, Bagnaia top dei Test Misano

alex rins motogp

MotoGP, Alex Rins: “Sylvain Guintoli? Non so davvero come faccia”