Jorge Lorenzo a Sepang

MotoGP, Jorge Lorenzo aspetta la Honda 2020 a Valencia

Jorge Lorenzo ha la mente già rivolta alla Honda 2020 che proverà per la prima volta nel test di Valencia, 48 ore dopo l'ultima gara.

31 ottobre 2019 - 13:24

A Sepang va in scena la penultima tappa di una stagione altamente deludente per Jorge Lorenzo. Dopo l’ultimo Gran Premio a Valencia potrà concentrarsi sulla RC213V del 2020. La prima bozza di prototipo ha fatto il suo esordio a Misano in estate, ma il maiorchino non ha avuto modo di provarla. Dalle sensazioni rilasciate da Marquez e Crutchlow, Honda non avrebbe migliorato i punti deboli della moto. La speranza è che in questi ultimi mesi la MotoGP dell’Ala Dorata abbia fatto sensibili progressi.

Jorge Lorenzo affronta queste due ultime gare come una procedura coatta, consapevole che in Malesia non potrà fare grandi passi avanti. Colpa di un feeling mai nato con l’anteriore della moto e delle condizioni fisiche ancora precarie. Ma un dato sembra certo: nel 2020 proseguirà l’avventura con HRC. “Ho due anni di contratto e la mia intenzione è quella di rimanere qui, trovare una soluzione ai problemi“. Non nega che sia il momento più difficile della sua carriera, fisicamente e psicologicamente. Ma le critiche non intaccano il morale, “probabilmente meno degli altri piloti“, visto che nel paddock “ci sono piloti psicologicamente molto piloti“.

Team e pilota hanno provato insistentemente una via di uscita dalla crisi, poi l’infortunio di Assen ha complicato ulteriormente la situazione. “Un anno fa c’erano aspettative molto da parte di Honda, del team, di Alberto Puig. Speravamo in risultati decenti“. Jorge Lorenzo qualche mese fa ha persino pensato di provare la RC213V del 2018, più agile in percorrenza di curva. “Mi è stata negata questa opportunità“. Un’opzione tecnicamente impossibile, visto che il regolamento impone di congelare i sette motori ad inizio campionato.

La mente del pentacampione è già rivolta al test di Valencia. “Credo sinceramente che la Honda del 2019 mi abbia fatto molto male nel feeling con la ruota anteriore. Per Márquez ha significato vincere più gare rispetto al passato per quel motore più potente, ma forse ci ha fatto del male. Ed è per questo che spero che la nuova moto porterà cose che questa moto non ha“. E se non dovesse accadere? “E se il tetto cade – ha concluso ironicamente Jorge Lorenzo – e ci ammazza tutti?”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

suzuki motogp

MotoGP: Un nuovo motore per Suzuki. A Jerez per la conferma

Marc Marquez a Madrid

MotoGP, Marc Márquez: “Grazie Jorge, ci mancherai”

Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi ci scherza su: “Servono sette evoluzioni di motore”