miller ducati motogp

MotoGP, Jack Miller: “Posso essere un candidato al titolo”

Jack Miller verso la prima stagione da pilota ufficiale Ducati. Con accanto il già compagno di box in Pramac. "Pecco è veloce, insieme faremo un buon lavoro."

19 febbraio 2021 - 20:47

Riportare il titolo MotoGP in casa Ducati? La casa di Borgo Panigale ci crede, così come Jack Miller. Un compito non semplice per l’australiano, visto che è stato proprio l’illustre connazionale Casey Stoner a portare l’unico iride piloti in classe regina. Ma il #43 è bello carico per questa prima annata con i colori ufficiali e non nasconde certo di puntare molto in alto.

“È un sogno che si realizza” ha dichiarato Miller, visibilmente emozionato durante la presentazione. “Non vedo l’ora di cominciare i test. Ci saranno piccoli cambi quest’anno viste le nuove regole, ma gli ingegneri hanno svolto un gran lavoro durante l’inverno” ha raccontato a motogp.com. “In Qatar vedremo il livello di ognuno. Ma mi sto allenando pensando che posso essere uno dei candidati per il titolo. Avere il team ufficiale attorno mi aiuterà di certo: è la mia sesta stagione in MotoGP, voglio essere in grado di lottare per il campionato.”

Ritrova accanto a sé Francesco Bagnaia. “Pecco è giovane e veloce, sarà un rivale competitivo. Abbiamo già condiviso il box ed abbiamo un buon rapporto. Certo potremo fare un buon lavoro, in modo da rafforzare la squadra” Come detto, è carico e concentrato per il Mondiale 2021. “Arrivo con la stessa mentalità e le stesse idee. Ma sarebbe bello riportare il titolo a Ducati.” La sfida è lanciata, la rossa ed i suoi piloti vogliono esserci.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Makiland
17:42, 20 febbraio 2021

Non ti sarai mica gasato un po’ troppo ? Jack ?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Franco Morbidelli fa paura!”

MotoGP, Ramon Forcada a Losail

VIDEO MotoGP – Franco Morbidelli miglior pilota Yamaha a Losail

enea bastianini motogp

MotoGP, Enea Bastianini: “Ancora macchinoso, lo stile Ducati è molto diverso”