miller marquez motogp

MotoGP: Jack Miller e Alex Márquez, lotta da podio dal sapore Moto3

Anche in MotoGP: Jack Miller e Alex Márquez battaglieri protagonisti, stavolta per il 3° posto. La spunta il ducatista, ma è una gara che serviva ad entrambi.

7 novembre 2021 - 19:15

Tra le battaglie viste in pista ce n’è stata una già vista in passato, ma inedita in MotoGP. Jack Miller e Alex Márquez, i due grandi protagonisti della lotta per il titolo Moto3 2014, per la prima volta si sono scontrati anche in classe regina, stavolta per il terzo gradino del podio. L’alfiere Ducati mancava l’appuntamento con la top 3 dalla Catalunya, mentre il pilota LCR Honda era caccia del miglior risultato in una stagione complicata. Due forti motivazioni quindi che hanno dato vita ad una bella battaglia tra i due, interrotta però anzitempo dalla bandiera rossa. Alla fine l’ha spuntata Miller, ma è stata davvero una bella gara per entrambi.

“Ero preparato per la lotta finale, ma…” 

Finalmente Jack Miller torna protagonista sul podio dopo tanti GP di assenza. Sottolinea anche qualche piccolo errore, ma è decisamente soddisfatto. Anche se certo avrebbe voluto rimanere un po’ più vicino al compagno di box… “Pecco ha tenuto un ritmo incredibile” ha dichiarato in conferenza stampa. “Quando mi ha superato di nuovo all’interno in curva 1 ho capito che voleva spingere e l’ha fatto, allontanandosi sempre di più. Joan ed io non abbiamo potuto fare nulla.” Per lui è seguita una gara un po’ più di controllo. “Ho cercato di tenere a bada le gomme, in modo da arrivare in condizioni migliori alla fine.” C’è riuscito fino ad un certo punto. Dietro di lui Alex Márquez si era liberato di svariati piloti e puntava fermamente al terzo gradino del podio.

“Negli ultimi otto giri ho dovuto spingere di più” ha ammesso. “Ma una volta passato Alex ho avuto un bel momento alla curva 7, con la posteriore che mi era scivolata via. In seguito mi è capitato di nuovo.” Nonostante questo, “Mi ero preparato per una battaglia fino al traguardo con Alex, ma ecco la bandiera rossa.” A due giri dalla fine la gara viene fermata per un incidente, la corsa si conclude così. “È una strana sensazione quando finisce così bruscamente, ci si prepara sempre per una lotta negli ultimi giri… Oltre al fatto che c’è una bella storia storia comune a livello di duelli tra me ed Alex” ha ricordato Miller col sorriso. In particolare, “Abbiamo lottato parecchio ad Aragón in Moto3 nel 2014. Questa volta però non è andata avanti fino alla bandiera a scacchi.”

“Una ricompensa per me e la squadra”

Lucio Cecchinello non stava nella pelle per la miglior gara stagionale del suo pilota. Un podio mancato per soli 51 millesimi… “Siamo davvero felici, se lo merita lui e ce lo meritiamo noi come squadra. Abbiamo lavorato duramente finora senza nessun risultato di rilievo, finalmente ha fatto vedere qualcosa di grande!” Eloquenti poi l’abbraccio ed i sorrisi al parco chiuso, con Alex Márquez presente come miglior pilota indipendente in questo GP. Lo stesso pilota sottolinea più volte che “È una ricompensa per me e per la squadra.” Non è stata certo una stagione facile per la truppa LCR. “È bello ora sapere che possiamo essere veloci e possiamo lottare con altri costruttori. Il team comunque non ha mai smesso di credere in me. Pensavo davvero che fosse possibile salire sul podio oggi e ci ho provato.”

Il pilota LCR Honda ha chiuso la domenica a Portimao con il miglior piazzamento stagionale in una gara solida e combattuta. Una bella iniezione di fiducia, ormai in ottica 2022, ma certo era qualcosa che serviva sia a lui che alla squadra. “È stata una bella lotta con Jack, sono riuscito poi a mantenere davvero un buon ritmo.” Ma la battaglia tra i due non si è conclusa per l’arrivo della bandiera rossa. “Gli ero molto vicino, stavo pensando di pensarlo probabilmente nell’ultimo settore, ma è andata così. Miguel [Oliveira] però sta bene e questa è la cosa più importante.” Sottolineando anche che “Dai test a Misano abbiamo iniziato ad utilizzare un nuovo chassis, qualche dubbio ad Austin poi tolto a Misano-2. Ho visto che andava molto meglio e ho evitato di toccare la moto, concentrandomi solo sul mio stile di guida.”

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Iker Lecuona

MotoGP, Iker Lecuona critica KTM: “Non è corretto”

MotoGP, Alberto Puig

“MotoGP senza Valentino Rossi? La vita va avanti”: la freddura di Puig

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, trattativa Aprilia-Espargarò: rinnovo o ipotesi collaudatore