MotoGP, Franco Morbidelli

MotoGP, Franco Morbidelli: “Ducati? Normale essere preoccupati”

Franco Morbidelli chiude il test MotoGP di Jerez con 1" di gap dalla Ducati di Pecco Bagnaia. Ma la priorità è continuare la riabilitazione al ginocchio.

20 novembre 2021 - 19:00

Atteggiamenti diversi nel box Yamaha dopo il test MotoGP di Jerez. Se Fabio Quartararo si è rivelato molto polemico, la reazione di Franco Morbidelli è più diplomatica. Prima ancora di cercare eventuali pecche della YZR-M1 sa di dover lavorare sulla riabilitazione al ginocchio. Di conseguenza salterà il tradizionale appuntamento al Ranch con la ‘100 km dei campioni’. La stagione 2021 è stata fortemente compromessa dall’intervento chirurgico. Nonostante tutto si è ritrovato a trasferirsi dal team satellite Petronas alla squadra factory, grazie all’addio di Vinales in estate.

Nella due giorni di Jerez Franky non ha voluto prendersi rischi. Il vento ha dato qualche grattacapo a tutti i piloti. “Ho problemi in condizioni normali, quindi è stato ancora più difficile. Purtroppo venerdì non abbiamo fatto molti giri, ma siamo riusciti a completare il nostro programma e a testare tutto quello che dovevamo provare“. Al vaglio dei piloti Yamaha due differenti telai, un nuovo forcellone e un pacchetto aerodinamico inedito. Per saggiare il nuovo motore dovranno attendere il prossimo test MotoGP di Sepang a febbraio.

12° crono nella combinata, un secondo netto di gap dal best lap di Pecco Bagnaia. Ducati si sta rivelando un incubo per tutti. “Quando sei indietro e vedi questa prestazione costante dei tuoi avversari, è normale essere un po’ preoccupati“, ha ammesso Franco Morbidelli. “L’importante ora è sapere ciò di cui abbiamo bisogno per migliorare le nostre prestazioni e rimetterci in forma. Non ho molto spazio in testa, sono impegnato a cercare di capire di cosa ho bisogno per il prossimo anno, nonostante le mie condizioni attuali”. In inverno continuerà a prendersi cura del ginocchio. “Sarà il mio lavoro principale. Cercherò di recuperare la piena mobilità del ginocchio e non dovrebbero esserci problemi“.

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

FRA 1988
19:21, 20 novembre 2021

Morbidelli è chiamato ad un 2022 non certo semplice.
Dopo lo splendido 2020(vicecampione) deve fare i
conti con un Quartararo più forte che mai.
F.Q da l’idea di non essere solo un campione di
tranzione come Mir.

    Max75BA
    23:56, 20 novembre 2021

    Il pilota più forte è M.M. in assoluto nella motogp odierna, nonostante non abbia recuperato una forma fisica accettabile ha vinto 3 gp… Mir è un pilota di grandissimo livello, è penalizzato da una Suzuki non alla sua altezza e il nostro Morbidelli deve recuperare la piena forma fisica e potrà superare il fortissimo Quartararo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022