ezpeleta motogp 2020

MotoGP, Ezpeleta: “Coronavirus? Stiamo parlando coi vari paesi”

Il CEO Dorna Carmelo Ezpeleta si esprime su coronavirus ("Monitoriamo la situazione"), ma anche sul caso Iannone, l'esordio in Finlandia e Kawasaki.

27 febbraio 2020 - 12:39

Stagione MotoGP ormai alle porte, ma in parte regna ancora l’incertezza per quanto riguarda certi fatti avvenuti recentemente. Citiamo il coronavirus, che mette preoccupazione negli stati che devono ospitare i GP del Motomondiale. C’è anche attesa nel team Aprilia per il caso Iannone, con la speranza di una soluzione positiva al più presto. Sul banco anche l’esordio in Finlandia e le (possibili?) wild card Kawasaki. Carmelo Ezpeleta si è espresso recentemente su questi argomenti.

“Stiamo monitorando la situazione” ha detto il CEO Dorna a proposito del coronavirus. “Stiamo parlando con tutti i paesi nel Motomondiale in materia di sicurezza. Da vedere quale sarà l’evoluzione di questo problema, se porterà a qualche stop oppure no. Abbiamo già parlato con la Thailandia ed il Qatar, poi lo faremo con gli Stati Uniti e continueremo così ovunque. Non dipende da noi, ma da quello che decideranno i governi di ogni paese.” Già in seguito ad una riunione durante i test erano stati confermati i primi due GP del 2020.

Su Iannone si può dire poco: il pilota e la sua squadra sono ancora in attesa di un responso dopo la sospensione preventiva per doping. “Ho assistito all’ultima udienza di Andrea ed Aprilia in tribunale” ha dichiarato Ezpeleta a tal proposito. “Non si può dire molto al momento, attendiamo tutti il responso finale. Spero che la situazione si risolva in maniera positiva.” Il pilota di Vasto infatti non ha potuto disputare i test invernali e c’è il rischio concreto che rimanga fermo ancora a lungo, in attesa della decisione. Ancora peggio se dovesse arrivare la squalifica.

Nel 2020 però avremo anche un esordio: in passato la MotoGP ha già corso in Finlandia, ma stavolta sarà sul nuovo KymiRing. “Il primo Gran Premio non è mai semplice” ha spiegato Ezpeleta. “Il personale è professionale e si sta impegnando molto. La Finlandia è stata un posto molto importante per la MotoGP, è positivo per il paese tornare ad avere un GP e speriamo in futuro di consolidare questa collaborazione. Ci sono tanti paesi che chiedono una tappa mondiale, non possiamo continuare ad averne cinque nello stesso posto.”

Per finire, cita anche Kawasaki e la possibilità di vedere questo costruttore nel Mondiale. “Voglio chiarire che non ci hanno mai chiesto ufficialmente una wild card in MotoGP” ha precisato il CEO Dorna. “Al massimo la squadra ha voluto qualche chiarimento a proposito di eventuali partecipazioni. Le regole dicono che le wild card sono concesse a costruttori già presenti nel Mondiale. Volendo, Kawasaki e altre case potrebbero partecipare, seguendo però le regole e attraverso i team indipendenti già esistenti.”

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Danilo Petrucci

Danilo Petrucci: “MotoGP il top, ma non è divertente”

marc marquez motogp

Marc Márquez: “Ancora fastidi alla spalla, ci stiamo lavorando”

Joe Roberts Moto2 2020

Joe Roberts: “Ho pianto quando Nicky Hayden ha vinto il titolo MotoGP”